Vai al contenuto

Giordania, tre militari statunitensi sono stati uccisi durante un attacco

Questa notizia contiene informazioni turistiche
Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

lunedì 29 gennaio 2024

La notte scorsa un avamposto statunitense, nei pressi della Giordania nord orientale ai confini con la Siria, è stato colpito da un attacco via aria attraverso l'utilizzo dei droni in cui hanno perso la vita tre militari statunitensi e altri 34 sono rimasti feriti. Secondo le prime fonti, l'attacco sarebbe riconducibile ad un gruppo di militanti radicali sostenuti dall'Iran; quest'ultimo si dichiara estraneo alla vicenda attraverso il portavoce del ministero degli Esteri, Nasser Kanaani: «Queste accusa hanno lo scopo di ribaltare la situazione nella regione». Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accusato difatti l'Iran dicendo che: «Stiamo ancora raccogliendo informazioni su questo attacco, ma sappiamo che è stato effettuato da gruppi militanti radicali sostenuti dall'Iran che operano in Siria e Iraq». Si è trattato del primo attacco alle forze militari statunitensi da quando è iniziata la crisi in Medio Oriente lo scorso 7 ottobre.


Segui lo speciale Crisi in Medio Oriente 2023
su Wikinotizie.

Fonti[modifica]