Grillo contro i dissidenti per Grasso, ma sul blog è polemica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 20 marzo 2013

Dopo l'elezione di Pietro Grasso al Senato, nella quale sembra che quattro senatori del Movimento 5 Stelle lo abbiano votato nonostante il gruppo parlamentare avesse deciso diversamente, c'è stato un duro scontro sul blog di Beppe Grillo, il quale ha attaccato i dissidenti.

Beppe Grillo sul suo blog ha scritto:

« Nella votazione di oggi per la presidenza del Senato è mancata la trasparenza. Il voto segreto non ha senso, l'eletto deve rispondere delle sue azioni ai cittadini con un voto palese. Se questo è vero in generale, per il MoVimento 5 Stelle, che fa della trasparenza uno dei suoi punti cardinali, vale ancora di più. Per questo vorrei che i senatori del M5S dichiarino il loro voto.

Nel "Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento" sottoscritto liberamente da tutti i candidati, al punto Trasparenza è citato: Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S.

Se qualcuno si fosse sottratto a questo obbligo ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze. »

Sul blog, nel quale chiunque può scrivere un commento, iscritti al movimento o semplici lettori, le opinioni sono le più disparate.

Chi è pro scrive: «NOMI E COGNOMI, bravissimo Beppe. Basta coi furbini» oppure: «20 dissidenti M5S al senato??? tutte le nostre speranze per allontanare i mercanti dal tempio siete voi del movimento 5 stelle. non ci deludete, e non fate il gioco di queste vecchie volpi della politica...».

Altri invece contro scrivono: «Mafiosi! Volete "eliminare" chi non obbedisce al padrino!». Aggiungono: «Chiunque abbia votato per Grasso ha fatto BENE! Ma ci mancherebbe...»

Fonti[modifica]