Ig Nobel 2011: ecco i "premiati"

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 30 settembre 2011
Si è conclusa all'università di Harvard la XXI edizione degli Ig Nobel, la celebre parodia dei premi Nobel, che verranno consegnati più avanti. Vincitori sono persone hanno fatto ricerche che inizialmente fanno ridere ma poi fanno riflettere. Marc Abrahams, il fondatore dell'anti-nobel, ci spiega che la scelta del vincitore non è facile: «Riceviamo ogni anno decine e decine di segnalazioni e spulciamo centinaia di riviste scientifiche».

Un esempio fu quella di Darryl Gwynne, che nel 1983 osservò che alcuni insetti sceglievano di morire bruciati dal sole pur di non abbandonare la loro amata compagna di vetro. L'autore ha vinto quest'anno il premio per la biologia poiché ha dimostrato che un tipo di scarafaggio si accoppia con una bottiglia di birra australiana. «Era molto che me l’aspettavo, perché ci avete messo tanto?».

Il sindaco di Vilnius, invece, ha vinto il premio per la pace per aver combattuto il parcheggio illegale passando sopra le auto con un carro armato.

Sei matematici, infine, hanno vinto il premio per aver predetto – fallendo – la fine del mondo. Prossimo appuntamento con la fine del mondo: 21 ottobre 2011.

I vincitori[modifica]

Ambito Vincitori Motivazione
Biologia Darryl Gwynne e David Rentz per aver scoperto che un certo tipo di scarafaggio si accoppia con un certo tipo di bottiglia di birra australiana.
Chimica Makoto Imai, Naoki Urushihata, Hideki Tanemura, Yukinobu Tajima, Hideaki Goto, Koichiro Mizoguchi e Junichi Murakami "per aver determinato la densità ideale di wasabi vaporizzato per svegliare una persona in caso di incendio o altra emergenza, e per aver applicato questa scoperta all'allarme a base di wasabi".
Fisica Philippe Perrin, Cyril Perrot, Dominique Deviterne e Bruno Ragaru e Herman Kingma "per aver determinato perché i lanciatori del disco soffrono di vertigini dopo il lancio ma i lanciatori di martello no".
Fisiologia Anna Wilkinson, Natalie Sebanz, Isabella Mandl e Ludwig Huber per aver dimostrato che non c'è alcuna prova che lo sbadiglio sia contagioso tra le tartarughe a zampe rosse
Letteratura John Perry per la sua teoria della "procrastinazione strutturata", secondo la quale per avere successo bisogna lavorare sempre a qualcosa di importante per evitare di fare cose più importanti.
Matematica Dorothy Martin (che determinò la fine del mondo nel 1954), Pat Robertson (nel 1982), Elizabeth Clare Prophet (nel 1990), Lee Jang Rim (nel 1992), Credonia Mwerinde (nel 1999), e Harold Camping of the USA (nel 1994 e poi il 21 ottobre 2011) per "aver insegnato al mondo di fare attenzione quando si fanno ipotesi e calcoli matematici".
Medicina Mirjam Tuk, Debra Trampe, Luk Warlop, Matthew Lewis, Peter Snyder, Robert Feldman, Robert Pietrzak, David Darby e Paul Maruff "per aver dimostrato che le persone prendono decisioni migliori su alcune cose, ma decisioni peggiori su altre, quando hanno l'impellente bisogno di urinare".
Premio per la pace Arturas Zuokas, sindaco di Vilnius per "aver dimostrato che il problema delle auto di lusso parcheggiate in divieto di sosta può essere risolto passandogli sopra con un carrarmato"
Premio per la pubblica sicurezza John Senders per "aver condotto una serie di esperimenti di sicurezza in cui una persona guida un'auto su un'autostrada mentre una visiera ripetutamente gli blocca la vista, impedendogli di guardare la strada".
Psicologia Karl Halvor Teigen per aver cercato di "capire perché, nella vita di tutti i giorni, le persone sospirano".

Fonti[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]