Il Governo Renzi mette in vendita Poste Italiane ed ENAV

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 17 maggio 2014

Ieri il Governo Renzi ha varato la vendita del 40% del capitale sociale di Poste Italiane, attraverso un'offerta pubblica di vendita sul mercato azionario, e del 49% di ENAV, per la quale potrebbe esserci una trattativa diretta con i possibili acquirenti. Dalla vendita il Governo prevede di ricavare circa 4-5 miliardi di euro, i quali potrebbero servire a ridurre il debito pubblico italiano, che a marzo si attesta a 2 120 miliardi di euro.

Poste Italiane è un'azienda sana, a totale controllo pubblico, che nel 2013 ha portato nelle casse dell'erario un utile netto di 1 miliardo di euro. Con questa operazione lo Stato dovrà rinunciare a 400 milioni di euro all'anno di profitti in cambio di circa 4 miliardi di euro derivanti dalla vendita, pari agli utili di 10 anni, dopo i quali l'operazione sarà in perdita.

Inoltre la redditività del gruppo Poste Italiane è superiore al costo medio del debito pubblico: infatti l'utile netto corrisponde a circa il 10% della capitalizzazione prevista, ben superiore al 4% di interesse medio che l'Italia ha pagato nel 2013 ai detentori di titoli di Stato. Questo significa che se anche tutti gli introiti derivanti dalla vendita delle Poste andassero ad abbattere il debito pubblico, si avrebbero minor introiti per 400 milioni di euro a fronte di un risparmio sugli interessi di 160 milioni di euro, con un saldo negativo di ben 240 milioni all'anno.

Grazie alle sue attività in ambito assicurativo, il rendimento di Poste Italiane è superiore a quello dei colossi energetici Eni ed Enel, privatizzazioni sulle quali gli economisti Mariano Bella, direttore dell'Ufficio Studi Confcommercio, e Luciano Mauro, docente di economia politica all'Università di Trieste, non solo hanno espresso parere negativo, ma ne consigliano il riacquisto da parte dello Stato, proprio perché più conveniente in rapporto al costo del debito pubblico rispetto alla loro redditività.

Per ENAV invece la situazione è diversa, in quanto l'utile netto nel 2013 è stato di 50 milioni di euro, ma come ricorda Marco Ponti, professore di economia applicata al Politecnico di Milano, operando in regime di monopolio ed essendo l'unico ente autorizzato all'assistenza sulle rotte aeree in Italia, di fatto garantisce ai suoi acquirenti un profitto certo, che anche in questo caso viene sottratto allo Stato.

Fonti[modifica]