Il sonno permette di proteggere il cervello

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedì 26 agosto 2008

Il sonno non è inutile come si riteneva prima

Il sonno è indispensabile per la sopravvivenza di qualsiasi individuo perché permette di "ripulire" il cervello dalle informazioni superflue ed inutili salvate durante il giorno, conservare i nuovi ricordi e preparare il cervello stesso per le fatiche del giorno seguente.

Prove[modifica]

L'importanza del sonno è stata già dimostrata, in parte però, in alcuni studi fatti precedentemente, e adesso queste ipotesi sono ridiscusse sulla rivista "PLoS Biology" dai due italiani superesperti in scienza del sonno che lavorano presso la University of Wisconsin School of Medicine.

I due scienziati hanno fornito tutti i motivi per dimostrare che il sonno è molto importante e ha i compiti ben precisi, contraddicendo così l'ipotesi che il sonno è inutile o che è semplicemente una forma estrema di indolenza o come un comportamento secondario quando non si ha nulla da fare. Se fosse così, si domandano Chiara Cirelli e Giulio Tononi, allora perché il sonno è un comportamento presente in ogni specie? Sottolineano, inoltre, che finora non è stata scoperta alcuna specie che non ha bisogno di dormire. Addirittura il delfino ha sviluppato la capacità di poter dormire con un emisfero celebrale alla volta, chiamato anche il sonno emisferico. Se il sonno è inutile, allora perché ha sviluppato questa capacità? La seconda prova della necessità del sonno è che se non dormiamo abbastanza il cervello ci indurrà a dormire più profondamente o dormire per un periodo di tempo maggiore, una caratteristica alla quale non sfugge nessuna specie animale e neanche l'uomo. Non dormire logora le funzioni cognitive e mnemoniche - è la terza prova dell'indispensabilità del dormire. Cirelli e Tononi dicono: "l'ipotesi nulla non funziona, non c'è prova dell'esistenza di specie che non dormono, che non adottano meccanismi compensatori, che riescano a non dormire se non pagando un caro prezzo in termini di sopravvivenza e performance". Il sonno, quindi, deve avere delle funzioni essenziali: "sebbene tutto il corpo ne tragga beneficio, il primo e più evidente effetto della deprivazione di sonno è il deficit cognitivo, segno che il cervello soffre di più il sonno. Ci sono molte prove che di notte il cervello si riorganizzi strutturalmente per consolidare le informazioni incamerate nel giorno appena finito; ma il sonno potrebbe anche essere un momento importante per detossificare il cervello da radicali liberi o altre neurotossine che si accumulano durante il giorno".

Fonti[modifica]