Inchiesta MOSE di Venezia, Galan patteggia. Ex Governatore del Veneto verso i domiciliari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 9 ottobre 2014
Giancarlo Galan, ex Ministro ed ex Governatore del Veneto, è rinchiuso nel carcere di Opera dal 22 luglio, in infermeria, in seguito alla richiesta di arresto approvata dalla Camera, riguardo all'inchiesta sul MOSE. Sembrava tranquillo prima della reclusione, infatti aveva tenuto una conferenza stampa in cui si era detto estraneo alla vicenda, ma negli ultimi giorni il suo ex commercialista, posto di fronte ad alcuni risultati delle indagini, e ad alcune sue stesse registrazioni, aveva dovuto ammettere di essere coinvolti, lui stesso e l'ex Governatore, direttamente nella vicenda. Tanto è bastato da convincere anche l'ex Ministro a far presentare da parte dei suoi avvocati la di patteggiamento a 2 anni e 10 mesi e la multa di 2,6 milioni di euro che il pm ha accettato. Sta ora al giudice convalidare la richiesta e, se dovesse dare esito positivo, Galan dovrebbe essere posto ai domiciliari.

Fonti[modifica]