Israele: raid su Jabalia. Hamas contatta Hezbollah

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 20 dicembre 2008

Alle ore 9.00 locali (8.00 in Italia) un raid compiuto dall'aviazione israeliana sulla città di Jabalia ha portato la morte di un palestinese, Ali Hijazy di 22 anni, e il grave ferimento di altri due. I tre, appartenenti alle Brigate dei martiri di al-Aqsa, il braccio armato di al-Fatah, e si apprestavano a lanciare razzi verso il sud di Israele. Ieri altri ordigni erano stati lanciati dalla Striscia di Gaza sul territorio israeliano.

Hamas continua a riaffermare che la tregua con Israele è ormai finita, e il leader Ismail Haniyeh ha annunciato di avere dei contatti con i libanesi Hezbollah: «Hassan Nasrallah ha chiesto ai libanesi di sostenere il popolo palestinese a Gaza per porre fine all’assedio». A Beirut si sono registrate manifestazioni contro il blocco imposto da Israele alla Striscia Gaza.

Dalla politica israeliana giungono invece segnali distensivi: «Bisogna riprendere la tregua, in questo momento è vantaggioso per entrambe le parti».

Inoltre per la quinta volta le autorità israeliane hanno permesso ad un'imbarcazione carica di aiuti umanitari di prendere terra nella Striscia di Gaza, formalmente isolata.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Israele.