Khamenei è morto?

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 16 ottobre 2009

L'ayatollah Ali Khamenei, Guida Suprema dell'Iran sarebbe in coma e potrebbe essere già morto.

La notizia rimbalza da un sito all'altro del Web dalla giornata di ieri, quando il giornalista statunitense Michael Ledeen, citando "fonti eccellenti", ha affermato che il già Presidente dell'Iran, nonché attuale guida spirituale del Paese, Ali Khamenei, sarebbe morto. Khamenei, 70 anni, sarebbe in coma già da lunedì scorso, dopo il ricovero in una clinica di Teheran a seguito di un collasso. L'ultima sua apparizione pubblica risale allo scorso 7 ottobre e tutti gli impegni successivi sono stati disdetti. Va però segnalato che diverse volte in passato si sono diffuse notizie infondate riguardo la sua morte.

Anche per questo c'è molta prudenza da parte dei maggiori organi di stampa internazionali che attendono verifiche approfondite prima di diffondere questa notizia.

Da parte delle autorità iraniane, per altro, al momento non sono giunte né conferme né smentite.

Pare che ieri, al diffondersi della notizia, si siano avute reazioni di giubilo da parte di alcuni cittadini di Teheran, con conseguente pronta repressione da parte della polizia.

Nel caso venisse confermata la morte, le funzioni della Guida Suprema sarebbero assunte momentaneamente dal capo dell'Assemblea degli esperti Rafsanjani, fintanto che la stessa assemblea non elegga un successore. Rafsanjani, già Presidente dell'Iran, gode del favore della parte di popolazione che si oppone all'attuale regime, da quando si espresse con estrema durezza contro le repressioni di piazza seguite alla discussa rielezione presidenziale di Mahmoud Ahmadinejad dello scorso giugno.

Fonti[modifica]