L'epidemia di influenza suina in Messico causa almeno venti morti e il contagio di 1000 persone

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 25 aprile 2009

* rosso: casi confermati
* arancio: casi non confermati
* nero: morti confermati.

Secondo quanto riferito da funzionari sanitari messicani, una epidemia di influenza suina ha causato la morte di sessanta persone e l'infezione di ulteriori mille all'interno del paese.

Il ministro della salute messicano Jose Angel Cordova ha dichiarato che il tasso di mortalità sembra rallentare e che non vi sarebbe alcuna intenzione di bloccare le frontiere messicane. «Siamo di fronte ad un nuovo virus, che costituisce una epidemia respiratoria che finora è controllabile», ha dichiarato Cordova. Secondo quanto riporta, il virus influenzale ha origine da una versione caratteristica dei suini che poi ad un certo momento è mutata in una variante in grado di infettare gli esseri umani.

Musei e scuole per sette milioni di studenti nelle vicinanze della capitale del Messico sono stati chiusi in uno sforzo per contenere l'epidemia e il governo ha incoraggiato la gente con i sintomi della malattia a non recarsi al lavoro.

L'epidemia si è diffusa a nord fino agli Stati Uniti e le autorità sanitarie statunitensi hanno riferito che ad otto persone è stata diagnosticata l'influenza suina in Texas e in California. Tuttavia, queste persone hanno recuperato dal punto di vista del quadro clinico.

Pendolari di Città del Messico in metropolitana con le mascherine

«Siamo preoccupati. Non sappiamo se questo porterà alla prossima pandemia mondiale, ma monitoreremo la situazione prendendola in seria considerazione», ha dichiarato il Dr. Richard Besser, il capo del Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il centro per il controllo delle malattie e la prevenzione dalle epidemie statunitense. Il Dr. Besser, in una intervista telefonica di venerdì, ha esposto la sua opinione secondo la quale «il contenimento dell'epidemia non è molto probabile».

Test condotti dalla Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno fatto emergere che il virus isolato in una dozzina di pazienti è geneticamente simile a quello di un nuovo focolaio di influenza suina, designato come H1N1.

Per la cura sembrano essere efficaci i comuni antivirali come il Tamiflu. Il virus è stato isolato e si sta procedendo allo produzione di un vaccino.«Stiamo analizzando la sequenza nucleotidica e ci stiamo attivando per il vaccino», che si pensa non potrà essere disponibile prima di sei mesi, ha detto il direttore del Centro Novartis Vaccines and Diagnostics di Siena.


Wikinews
Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Outbreak of swine flu in Mexico kills at least twenty, infects 1,000, pubblicato su Wikinews in inglese.

Fonti[modifica]