L'uomo d'acciaio: buoni incassi dopo due settimane dall'uscita al cinema

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 4 luglio 2013

Uscito il 14 giugno 2013 negli Stati Uniti e il 20 giugno nei cinema italiani, L'uomo d'acciaio ha mantenuto le promesse in termini di incassi.

Nonostante in questi giorni il film diretto da Zack Snyder sia stato superato al botteghino da World War Z, la trasposizione cinematografica del romanzo di Max Brooks del 2006 che appena uscito è subito balzato in testa alla classifica dei film più visti al cinema, nel complesso si può dire che gli incassi de L’uomo d’acciaio siano fino ad ora soddisfacenti, e che non abbiano deluso le aspettative.

Al momento L’Uomo d’Acciaio ha incassato, in tutto il mondo, oltre 500 milioni di dollari, ma secondo i pronostici la pellicola diretta da Zack Snyder dovrebbe arrivare alla cifra di 650 milioni di dollari. Secondo alcuni analisti il film potrebbe raggiungere anche risultati migliori, arrivando a incassare sui 700 milioni di dollari in tutto il mondo, ma la concorrenza agguerrita di questi tempi (molte sono le pellicole particolarmente attese in uscita in questo periodo) potrebbe rendere l’impresa piuttosto difficile.

In ogni caso, i risultati finora raggiunti da L’uomo d’acciaio sono molto buoni: paragonato agli incassi ottenuti da Batman Begins, per esempio (pellicola che nel 2005 incassò 374 milioni di dollari in tutto il mondo), L’uomo d’acciaio ha ottenuto un successo al botteghino più clamoroso. Certo, difficilmente arriverà ad uguagliare gli incassi di The Amazing Spider-Man, altro reboot che nel 2012 racimolò ben 752 milioni di euro nel mondo, ma i produttori di L’uomo d’acciaio possono ritenersi soddisfatti dei risultati raggiunti dalla loro creatura.

L’uomo d’acciaio è solo l’ultima uscita cinematografica ispirata al celebre personaggio dei fumetti creato da Jerry Siegel e Joe Shuster nel 1932 e pubblicato dalla DC Comics a partire dal 1938. Le prime apparizioni del personaggio sul grande schermo sono datate 1948 e 1950, due puntate prodotte dalla Columbia, ma il primo film dedicato a Superman fu quello interpretato, nel 1951, da George Reeves. È da questa pellicola che nacque la serie televisiva Adventures of Superman, programmata dal canale ABC dal 1952 al 1958. Celeberrimo è la serie di film interpretata da Christophe Reeve negli anni Settanta e Ottanta: Superman (1978), Superman II (1980), Superman III (1983) e Superman IV (1987). I primi due capitoli della serie ottennero un clamoroso successo, mentre a partire dalla terza pellicola gli incassi cominciarono a diminuire. L’ultimo capitolo, Superman IV, ottenne critiche negative e incassi poco soddisfacenti, anche a causa di un budget limitato che aveva comportato l’eliminazione forzata di molte scene e l’utilizzo di effetti speciali non entusiasmanti. Il progetto di un quinto capitolo della saga, per cui venne anche scritta la sceneggiatura, in concreto non venne più attuato.

Dopo altri tentativi falliti, Superman venne riportato sul grande schermo nel 2006 con l’opera Superman Returns di Brian Singer, interpretato da Brandon Routh, ultima pellicola dedicata al supereroe prima della realizzazione de L’uomo d’acciaio. A differenza di Superman Returns, che non ottenne i risultati sperati, L’uomo d’acciaio sembra invece aver risollevato le sorti del supereroe al cinema.

Fonti[modifica]