La Presidenza della Repubblica annuncia: «Risparmiati 15 mln, saranno restituiti all'Erario»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 6 febbraio 2011

Flag of the President of Italy.svg

Quindici milioni di euro risparmiati sulle spese del Quirinale saranno riassegnati alle casse dello Stato. Questo l'annuncio giunto dalla Presidenza della Repubblica, che fa i conti di tutte le entrate e uscite durante i quattro anni (2006-2010) di presidenza di Giorgio Napolitano.

L'annuncio, emanato dalla segreteria generale attraverso il sito internet Quirinale.it, afferma che verranno restituiti «complessivamente al ministero dell'Economia e delle Finanze nel corso del triennio 2011-2013 la somma di 15.048.000 euro (3.762.000 euro/anno, n.d.r.), pari al 6,6 per cento della dotazione».

Dal 31 dicembre 2006 al 31 dicembre 2010, inoltre, il personale addetto alle esigenze di palazzo ha visto una decrescita pari a 374 unità (144 di ruolo, 5 comandati e 225 distaccati), 72 dei quali soltanto nell'anno solare appena trascorso.

Le spese totali previste per il 2011-2013 sono di € 244.590.000, con un calo di quasi 10 milioni rispetto al 2008, e che per il 91% circa riguardano gli stipendi del personale.

Il Quirinale, più nel dettaglio, annuncia che il risparmio complessivo è stato di € 48.119.404, come si può leggere nello stralcio del comunicato che riportiamo qui sotto:

« Le economie conseguite [...] nel periodo che va dall'inizio del settennato al 31 dicembre 2010 ammontano complessivamente a 48.119.404 euro. Le economie derivanti dalle misure attuative della manovra finanziaria adottata dal Governo [...] ammontano complessivamente nel triennio a 9.678.600 euro. [...] Il Segretariato generale della Presidenza della Repubblica si impegna a restituire complessivamente al Ministero dell'economia e delle finanze nel corso del triennio 2011-2013 la somma di 15.048.000 euro, pari al 6,6 per cento della dotazione. All'importo conseguente alle misure specificamente attuative della manovra del Governo, come sopra quantificato, si aggiungono quindi 5.369.400 euro a carico delle economie realizzate con le misure autonomamente adottate nel corso del settennato fino al 2010. La restante parte delle suddette economie, pari a 42.750.004 euro, è in misura prevalente riassorbita dal congelamento della dotazione al livello del 2008 per il periodo 2010-2013 »
(Segreteria generale della Presidenza della Repubblica Italiana)

Fonti[modifica]