La voce di Dyane si pente di aver partecipato a Bojack Horseman

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 29 giugno 2020

Logo della serie

La doppiatrice e attrice Alison Brie, nota per i suoi ruoli di Annie Edison in Community e di Trudy Campbell in Mad Men, ha recentemente dichiarato di essersi pentita di aver doppiato Dyane Nguyen nella serie animata BoJack Horseman; quest'ultima ha avuto la sesta e ultima stagione il 31 gennaio 2020.

I motivi del pentimento[modifica]

Alison Brie nel 2010, dopo il suo ruolo nella serie Community

Su un post pubblicato sul suo profilo Instagram, Alison Brie ha spiegato perché si pente di aver doppiato Dyane Nguyen, donna vietnamita presente come co-protagonista della serie:

[EN]
« In hindsight, I wish that I didn’t voice the character of Diane Nguyen. I now understand that people of color should always voice people of color. We missed a great opportunity to represent the Vietnamese-American community accurately and respectfully, and for that I am truly sorry. I applaud all those who stepped away from their voiceover roles in recent days. I have learned a lot from them. »
[IT]
« Col senno di poi vorrei non aver doppiato Diane Nguyen. Mi rendo conto ora che le persone di colore dovrebbero doppiare i personaggi di colore. Abbiamo perso una grande opportunità di rappresentare in modo corretto e rispettoso la comunità americana di origine vietnamita, e mi dispiace tantissimo. Applaudo tutti coloro che negli ultimi giorni hanno rinunciato a ruoli simili. Ho imparato molto da loro. »
(Alison Brie su Instagram)

Raphael Bob-Waksberg, il creatore della serie, ha commentato la dichiarazione di Brie, ammettendo di non aver mai avuto uno scrittore vietnamita nella serie. Tuttavia, è stato assunto un consulente vietnamita per la puntata ambientata, per l'appunto, in Vietnam: «avremmo dovuto assumere uno scrittore vietnamita e un'attrice vietnamita per interpretare Diane - o in caso contrario, cambiare il personaggio in modo che corrispondesse a quello che assumevamo».

Questo non è il primo caso nel mondo dei doppiatori: infatti, anche Mike Henry di Family Guy, Kristen Bell di Central Park e Jenny Slate di Big Mouth hanno detto di esser mortificati per aver doppiato un personaggio che non corrispondeva alle loro personalità o esperienze di vita.

Fonti[modifica]