Le Iene censurate dal Garante della privacy

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedì 10 ottobre 2006

La trasmissione di Italia 1, Le Iene, in onda oggi per la prima volta in questa stagione, si vede bloccato dal Garante della Privacy il suo servizio di punta circa l'uso di droghe da parte degli Onorevoli.

Nei giorni scorsi, un inviato delle Iene, Matteo Viviani, camuffato da giornalista, ha intervistato 50 onorevoli che venivano sottoposti ad un drug wipe (un test antidroga simile ad una cartina tornasole) a loro insaputa da una falsa truccatrice della troupe.

Risultato: 16 onorevoli su 50 sono risultati positivi al test. Nelle ultime 36 ore, 12 tra deputati e senatori avevano assunto marijuana e 4 cocaina.

Dopo una dura contestazione di alcuni degli "intervistati" (altri, come gli onorevoli Grillini, Capezzone e Bocchino hanno dato disponibilità ad una liberatoria), il Garante della privacy ha imposto alla redazione del popolare programma condotto da Cristina Chiabotto almeno la censura dei volti e delle voci degli onorevoli intervistati.

Fonti[modifica]