Libri per non vedenti: una svolta decisiva

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedì 5 luglio 2016

La sede dell'organizzazione Wipo, a Ginevra.

Il 30 giugno 2016, con la ratifica da parte del Canada, si è raggiunta la quota 20 dei paesi che abbiano ratificato il «Trattato di Marrakech per facilitare l'accesso ai testi pubblicati alle persone cieche, con incapacità visive o altre difficoltà ad accedere al testo stampato». Tra tre mesi, quindi, secondo le complesse regole internazionali, il Trattato entrerà in vigore, introducendo una vistosa limitazione alla normativa sul "diritto d'autore". I testi destinati ai non vedenti non saranno soggetti al pagamento di copyright.

Tale risultato lo si è ottenuto nonostante una grande resistenza da parte di molti dei paesi più importanti sul mercato editoriale: la stessa Unione europea si è trovata invischiata in cavillose questioni di competenza tra Unione e singoli paesi. L'Italia che è all'avanguardia nella produzione di testi per non vedenti, non ha ancora ratificato il trattato.

Notizie correlate[modifica]

Fonti[modifica]