Lombardia: dal 26 ottobre ritorna la didattica a distanza per le scuole superiori

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 22 ottobre 2020

Ritorna la didattica a distanza in Lombardia. Il Presidente Attilio Fontana ha firmato, con tutti i sindaci lombardi, un'ordinanza in cui richiede di fermare tutte le lezioni in presenza a partire dal 26 ottobre in favore della didattica a distanza, dando qualche giorno di tempo alle scuole per organizzarsi. I sindaci, però, affermano di aver firmato una normativa meno rigida e assicurano di opporsi a questa, poiché ritenuta troppo dura. A questi dà voce in primis Giuseppe Sala, sindaco di Milano, che attacca direttamente la linea dura del governatore, affermando che "la scuola sarà l'ultima a chiudere". Massimo De Rosa, capogruppo grillino in Lombardia, sostiene che l'ordinanza sia "confusa e poco chiara" e che si tratti di una manovra effettuata per contrastare il ministro Lucia Azzolina, tra i principali promotori del ritorno a scuola, in linea con la posizione adottata dalla Lega di Matteo Salvini.

Questa ordinanza è quasi unica tra le regioni, essendo stata adottata similmente dalla Campania, le cui scuole medie e superiori resteranno in DAD fino a novembre. Le altre regioni invece hanno scelto linee più morbide, attivando solitamente la didattica a distanza alternata a didattica in presenza.

Fonti[modifica]