Lutto nel pugilato italiano, morto il Maestro Lucinio Sconfietti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

lunedì 26 dicembre 2016

Si è spento a causa di un malore, nella sua casa di via Vernavola a Pavia all'età di novant'anni, la sera di sabato 24 dicembre 2016, lo storico maestro di pugilato lombardo Lucinio Sconfietti. Ne dà l'annuncio, fra gli altri, anche il presidente del comitato regionale lombardo Massimo Bugada.

Cinio, così era soprannominato in palestra, nacque a Milano il 2 ottobre 1926. Inizia la carriera da pugile dilettante a Legnano nel 1942, accompagnando il fratello maggiore Francesco, pugile anche lui. A causa del periodo bellico Lucinio è costretto a due anni di pausa forzata. Nel 1944 può riprendere l'attività agonistica presso la Accademia pugilistica pavese. Passa professionista nel 1949. Si ritira nel 1952.

Subito dopo diventa Maestro, e rifonda la palestra, che prenderà il nome di Associazione Pugilistica Pavia ove ha insegnato fino al 1999. Da lui sono passati: Giordano Campari (due volte campione italiano), Annibale Omodei, Giovanni Biancardi, Vincenzo Belcastro(campione europeo).

Successivamente nel 2000 è passato alla BSA Boxing Team in Borgo, palestra di nuova istituzione collaborando col tecnico Fabio Paragnani. Così racconta Lucinio: Avevano bisogno di un maestro che visionasse gli allenamenti e che potesse mettere la firma per aprire la palestra ed ho accettato. Ho allenato fino al 2001, poi sono stato operato e mi sono ritirato anche se continuo a seguire la boxe. Per la sua grande passione Lucinio ha fatto il tecnico di pugilato per poco meno di cinquant'anni.

Cinio ha fatto un paio di apparizioni cinematografiche, interpretando sempre un maestro di boxe:

Grazie ai suoi meriti sportivi, è diventato Cavaliere dell'Ordine di Malta, ed è stato premiato dal Comune di Pavia, con l'onorificenza di San Siro.


Fonti[modifica]