Malattia vescicolare dei suini, abbattuti 57 suini nel milanese

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

9 febbraio 2007

I tecnici dell'ASL3 hanno identificato nei giorni scorsi un focolaio di malattia vescicolare del suino in un allevamento ai confini tra Monza e Brugherio. 57 maiali son stati abbattuti dagli operatori sanitari e le carcasse degli animali sono state incenerite ed eliminate. L'allevatore sarà integralmente rimborsato dalla Regione Lombardia.
L'Osservatorio epidemiologico veterinario regionale segnala come questo sia il primo focolaio di questa malattia riscontrata nei comuni dell'ASL3. Dall'inizio del 2007 i focolai in Italia sono stati 15, di cui 5 in Lombardia (tre nel mantovano, uno nel bresciano e questo in Brianza) e 10 nel Molise. Gli abbattimenti massici sono stati due, a Verolavecchia e a San Benedetto Po, con un totale di 12.000 capi abbattuti.

La malattia vescicolare del suino è una malattia della lista A dell'OIE, soggetta a denuncia obbligatoria a livello nazionale ed internazionale. Non crea pericolo per l'uomo ne per altri animali, in quando non è trasferibile in alcuna forma in altre specie che non siano i maiali.

Fonti[modifica]

  • Massimiliano Rossin «Malattia vescicolare: abbattuti 57 suini»Il Cittadino di Monza e Brianza, 3 febbraio 2007, pag. 5