Mastella propone un ddl contro il negazionismo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì  19 gennaio 2007

Il Ministro della Giustizia Clemente Mastella ha preannunciato la proposta di un disegno di legge che sanzioni penalmente la negazione della Shoah.

«È mia intenzione - ha dichiarato Mastella - e credo di tutto il governo, presentare un disegno di legge che determini come forma di reato il negazionismo di ciò che è stato l'Olocausto» affinché «alcune cose non siano ostaggio di false memorie. L'umanesimo è fondamentale al di là di ogni declinazione religiosa». La proposta sarà formalizzata in Consiglio dei Ministri il 27 gennaio prossimo, in occasione della "Giornata della Memoria".

La proposta di Mastella è stata apprezzata dalla delegazione della comunità ebraica invitata oggi al Ministero. «Per noi questo è un argomento importante che coinvolge la verità storica - ha detto Renzo Gattegna, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane - quando i testimoni dell'Olocausto saranno tutti scomparsi l’aspetto emotivo perderà forza, dunque bisogna rafforzare l'elemento culturale. Il negazionismo è un’offesa gravissima non solo alla memoria ma anche a quelle persone che ne sono portatrici». Inoltre, ha affermato Gattegna, «coloro che negano la Shoah spesso sono proprio quelli che ripropongono ideologie razziste e antisemite».

Fonti[modifica]