Monza: il comune vuole creare una cintura di parchi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

31 ottobre 2005

Il comune di Monza intende creare un sistema di parchi che determini una lunga fascia di verde attorno alla città. Sono state disegnate sulla carta sei nuovi parchi destinati a diventare i fratellini del grande Parco di Monza:

  • il Parco del Villoresi (1.200.000 mq), zona nord-ovest
  • il Parco della Memoria (1.700.000 mq), zona est
  • il Parco di Sant'Albino (940.000 mq), zona est
  • il Parco di San Fruttuoso (850.000 mq), zona ovest
  • il Parco della Cascinazza (770.000 mq), zona est
  • il Parco del Casignolo (640.000 mq), zona sud

L'insieme viene a formare un totale di circa 6 milioni di metri quadrati, a cui devono essere sommati i 700 ettari del Parco Reale. Inoltre le aree verdi si collegano ad altre aree verdi già esistenti nei comuni limitrofi. Come il Parco della Cavallera (Concorezzo e Vimercate), il Parco delle Cave (Brugherio), il Parco del Medio Lambro e il Parco del Grugnotorto.

I terreni non verranno acquisiti o espropriati, ma verranno dati incentivi ai proprietari, anche grazie a contributi della UE, che si impegneranno ad attrezzare le aree e a dedicarsi a coltivazioni di pregio. In cambio verrà fornito un contributo di 450 euro per ettaro, a cui il comune aggiungerà altri aiuti pari a 250.000 euro l'anno.

Fonti[modifica]

  • Il Cittadino, 13 ottobre 2005