Mostra La grande guerra degli artisti 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

25 marzo 2005

La grande guerra degli artisti[modifica]

Si è aperta a Firenze, presso il Museo Marino Marini di Piazza San Pancrazio, La grande guerra degli artisti. L'esposizione rimarrà aperta fino al 25 marzo.

Sono esposte oltre 150 opere, fra sculture, dipinti e disegni, raccolti da un gruppo di critici di diverse tendenze e coordinati dalla storica dell'arte Nadia Marchionni.
La mostra inizia con i futuristi dichiarati (Boccioni, Depero, Marinetti) e con le loro opere eccitate, per proseguire poi con Carrà, con Soffici e con Sironi, e quindi concludersi con le visioni disperate e dolorose di Lorenzo Viani, Galileo Chini e Plinio Nomellini. Una collocazione speciale nella mostra spetta ai pittori-soldati, considerati i "cronisti dal fronte" (Italico Brass, Giulio Aristide Sartorio), e all'opera di propaganda su manifesti e giornali (Cipriano Efisio Oppo, Enrico Sacchetti).
Nella mostra sono anche presenti dei bozzetti di monumenti ai caduti e un ciclo decorativo degli anni trenta.

Tra le opere che potranno essere ammirate, figura anche il dipinto Arresto di Cesare Battisti di Carlo Carrà.

Fonti[modifica]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Firenze.