Mubarak parla all'Egitto: «Non mi ricandido»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 2 febbraio 2011

Il presidente egiziano Hosni Mubarak

Durante l'atteso discorso alla nazione, il presidente egiziano Hosni Mubarak annuncia l'intenzione di non riproporsi per il prossimo governo del paese. Nonostante la richiesta di dimissioni da parte dei manifestanti, il politico si dice intenzionato a restare fino a settembre, e si propone anzi come mediatore per un pacifico passaggio di consegne.

Il gesto del leader non soddisfa. Il capo dell'opposizione Muhammad al-Barade'i aveva chiesto che Mubarak lasciasse entro venerdì, e lo stesso Barack Obama è intervenuto sulla questione esprimendo il desiderio che la transizione inizi fin da subito. La popolazione intanto resta in piazza e grida "Vattene! Vattene!".

Secondo una nota dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Navi Pillay, gli scontri della scorsa settimana potrebbero aver causato più di 300 vittime e circa 3000 feriti. Nel frattempo la voglia di cambiamento si estende ad altre nazioni: previste in Yemen e Siria manifestazioni analoghe a quelle egiziane, mentre il re Abd Allah II di Giordania, dopo tre settimane di proteste, ha ceduto alla richieste del popolo e ha nominato un nuovo esecutivo per attuare "vere riforme" per il paese.

Fonti[modifica]