Multe fino a 250 euro per chi calpesta i piccoli animali emiliani

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

27 luglio 2006

L'Emilia-Romagna si allea alle altre Regioni italiane per la protezione della fauna minore, con sanzioni per coloro che maltrattano animali di piccole dimensioni nei parchi protetti. Le multe partono da un minimo di 10 euro, "per il disturbo intenzionale durante il ciclo riproduttivo" , ma arrivano sino a 250 euro, "per la cattura intenzionale o l'uccisione dei animali di piccola taglia" e non solo, ma anche per "la detenzione o il commercio di esemplari", quali chiocciole, lumache, lucertole e ranocchie, posti da poco sotto tutela.

Arrivano perciò anche le attività di sorveglianza, con monitoraggio dello stato di conservazione delle specie: "la vigilanza" infatti "sarà affidata alla polizia amministrativa locale, al Corpo forestale dello Stato, alla Polizia giudiziaria, con l'ausilio di guardie ecologiche volontarie e degli agenti giurati delle associazioni ambientaliste", come deciso dalla Regione, che elencherà prossimamente tutte le piccole specie da proteggere.

Fonti[modifica]