Multe stradali: 58.568 in dieci giorni. Succede ad Acquetico (Imperia)

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 18 novembre 2018

Panorama di Pieve di Teco
Il colle di Nava, dal versante Val Tanaro

Incredibile ma vero: una multa ogni tre minuti! Non essendo possibile fare dei paragoni con altre località, non si può affermare che sia il record assoluto. Restano comunque dei dati impressionanti: un automobilista su tre ha violato il codice della strada per eccesso di velocità e il record di velocità massima, registrato il 22 settembre scorso, è addirittura di 135 chilometri orari.

Come si è pervenuti a questi numeri? I cittadini di Acquetico (frazione di Pieve di Teco) si erano lamentati con l'amministrazione comunale a causa dei numerosi incidenti e la preoccupazione degli abitanti ha convinto Alessandro Alessandri, il sindaco, a passare all'azione concreta. Essendo una persona scrupolosa, ha incaricato una società di controllare il livello di infrazioni per poi posizionare gli autovelox e neanche lui credeva ai suoi occhi quando ha visto i risultati.

Perché il sindaco non l'ha fatto prima? Perché non gli piacciono i metodi repressivi, ma solo prevenire; e nemmeno che le persone credano che il comune voglia far cassa con le multe. Addirittura, la Corte dei Conti spesso bacchetta perché nel paese non si fanno contravvenzioni.

Si presume che sia la categoria dei motociclisti a violare maggiormente il codice stradale: sono loro a impaurire di più, come spiega il sindaco che afferma che nel tratto di Strada Statale 28 tra Pieve e il Piemonte si svolgono vere e proprie gare. I concorrenti prendono uno scontrino alla partenza, al bar di Imperia e un altro all'arrivo a Nava, su in alto. Questo si fa per verificare i tempi ed evitare la figura del cronometrista che potrebbe essere notato dalla polizia. I carabinieri di Pieve mettono i posti di blocco, ma automobilisti e motociclisti ne segnalano la presenza lampeggiando con i fari e mandandosi messaggi.

Ad Acquetico risiedono 120 persone, per lo più anziani, che sono terrorizzati e non vogliono uscire perché la strada statale sfiora le abitazioni. Per fare capire il problema interviene di nuovo il sindaco afferma che la Statale 28 è una delle tre arterie che collega il Piemonte alla Liguria, ed è quella che presenta più vantaggi. Infatti i camper, i camion, turisti e gruppi di motociclisti che non vogliono pagare il pedaggio, prendono la statale per raggiungere la costa.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]