New York: crolla un palazzo a Manhattan

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

10 luglio 2006

Panorama di Manhattan

Un edificio di tre piani, situato sulla 62^ fra Madison e Park Avenue, è crollato oggi dopo un'esplosione nell'Upper East Side di Manhattan, a New York. Si contano undici feriti, di cui cinque vigili del fuoco intervenuti per i primi soccorsi. Due dei feriti verserebbero in gravi condizioni.

Circa la causa dell'esplosione, le ipotesi attualmente al vaglio degli investigatori sono ricondotte alla fuga di gas o ad un tentativo di suicidio.
Se, infatti, Nicholas Scoppetta, commissario del Dipartimento dei Vigili del fuoco di New York ha dichiarato alla Cnn: «Il crollo del palazzo sembra al momento dovuto ad una fuga di gas. L'esplosione è avvenuta intorno alle 8.45 di questa mattina (15.45 ora italiana, ndr)», gli inquirenti non escludono la pista del tentato suicidio: il medico proprietario dell'edificio, assieme alla moglie, è rimasto ferito dal crollo. Secondo quanto dichiarato dal legale della moglie (che aveva avviato la causa di divorzio dal marito), il medico aveva spedito, nei giorni scorsi, una e-mail nella quale minacciava di volersi suicidare.

La Casa Bianca ha, intanto, per bocca del portavoce Tony Snow, escluso che l'evento abbia matrice terroristica.

Fonti[modifica]