Non è più consentito l'ingresso in Ucraina agli uomini russi tra i 16 e i 60 anni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 30 novembre 2018

Mappa dell'Ucraina, comprendente le 10 regioni in cui è applicata la legge marziale e la Crimea, dal 2014 considerata dalla Russia parte del proprio territorio

Il presidente ucraino Poroshenko ha annunciato che il locale governo ha vietato l'ingresso nel territorio dello stato a tutti i cittadini russi di sesso maschile tra i 16 ed i 60 anni, come ulteriore misura di emergenza dopo l'applicazione della legge marziale in 10 regioni di confine con la Russia per un mese ed il divieto di ingresso in Crimea dall'Ucraina; il provvedimento, anch'esso una conseguenza delle tensioni tra Russia ed Ucraina nello Stretto di Kerč' con 24 marinai ucraini arrestati e 3 navi sequestrate, è stato giustificato con l'intenzione di impedire la formazione di milizie private nel Paese che possano lavorare per conto dell'esercito russo se ritenuto necessario.

La Russia ha al momento escluso l'applicazione di misure speculari sul proprio territorio.

Fonti[modifica]