Nuovo museo preistorico di Capo di Ponte: il governo rassicura

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 31 agosto 2008

Duelli, Seradina di Cemmo - Roccia 12, Val Camonica

Il parlamentare leghista camuno Davide Caparini, attraverso un'interrogazione a risposta scritta rivolta al ministro per i Beni e le Attività Culturali Sandro Bondi, ha chiesto quali sono le effettive prospettive di completamento del futuro Museo nazionale della Preistoria della Val Camonica, che dovrà sorgere a Capo di Ponte, nell’edificio settecentesco conosciuto come villa Agostani.

«Il ministero per i Beni e le attività culturali ha garantito che individuerà una soluzione finanziaria per completare i lavori del Museo in tempi certi, e questo nonostante i pesanti tagli subiti dai finanziamenti a tema durante la precedente legislatura. Con ogni probabilità, la struttura museale sarà ultimata entro l’anno prossimo, in tempo per festeggiare il centenario della scoperta (o meglio della comprensione del valore) degli importanti reperti archeologici camuni. Questa ricorrenza, infatti, comporterà una serie di celebrazioni alle quali le amministrazioni locali attualmente coinvolte nel piano di gestione del sito Unesco tengono in modo particolare».

«L’intervento non sarà però semplice -precisa il parlamentare - a causa della riduzione di oltre il 50% dei finanziamenti della cifra (1.200.000 €) originariamente stanziata per il triennio 2008-2010.»

La realizzazione del Museo nazionale della Preistoria è ad oggi uno dei punti qualificanti del piano di gestione del sito Unesco 94: Incisioni rupestri della Valcamonica concordato nel 2005.

Fonti[modifica]