Offensiva della coalizione anti-Isis in Siria e Iraq

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 26 maggio 2016
In Siria a partire da ieri, 25 maggio, è cominciata un'offensiva ad opera di un'alleanza a guida curda, che comprende anche arabi e cristiani,[1] chiamata Forze Democratiche Siriane (SDF), e sostenuta militarmente dagli USA,[2] sulla capitale dell'Isis Raqqa.

Le milizie sono composte da alcune decine di migliaia di combattenti, tra 20.000 e 50.000,[1][3] e stanno scendendo da nord verso Raqqa, dove si trovano circa 4.000 miliziani jihadisti.[2] Gli USA forniscono appoggio con raid aerei, ma anche attraverso l'arrivo in Siria di 250 operatori delle forze speciali, che servono per comunicare con gli aerei e come consiglieri militari.[4]

L'offensiva è partita dopo la visita del generale dell’esercito americano Gen Joseph Votel, nuovo comandante delle forze USA nel Medio Oriente, la scorsa settimana a Rojava,[1] che ha sancito la guida delle forze sul campo in capo alle milizie curde dell'YPG e di quelle femminili dell'Ypj.[2]

Anche in Iraq è in corso un'offensiva dell'esercito iracheno contro l'Isis a Falluja, città a ovest di Baghdad espugnata dai jihadisti dello Stato Islamico agli inizi del 2014,[5] e ora le truppe governative si trovano alle porte della città.

Fonti[modifica]

  • 1,0 1,1 1,2 Siria: Forze Democratiche Siriane (SDF) lanciano operazione per liberazione di Raqqa
  • 2,0 2,1 2,2 Siria, al via l'operazione dei curdi per liberare Raqqa dall'Is
  • Siria: curdi pronti a prendere Raqqa, la capitale di ISIS
  • Siria, controffensiva per riprendere Raqqa dalle mani dell'Isis
  • Iraq, esercito: completato l'accerchiamento dell' Isis a Fallujah