Renata Polverini querela il Fatto per la vicenda degli acquisti immobiliari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 27 gennaio 2010

La candidata del PDL alle elezioni regionali del Lazio, Polverini Renata

Nei giorni scorsi il quotidiano Il Fatto si era lanciato in una inchiesta per verificare delle presunte evasioni fiscali negli acquisti immobiliari della candidata per il PDL in corsa per il Lazio Renata Polverini, giungendo infine alla conclusione che la candidata sarebbe debitrice verso l'erario della somma di circa diciannovemila euro.

Nel pomeriggio di ieri la Polverini ha fatto recapitare una lettera alla redazione de Il Fatto, comunicando l'intenzione di querelare il giornale:

«Ho letto l’articolo de Il Fatto di ieri nel quale si torna a parlare dell’acquisto della casa in cui vivo. Il tema su cui è costruito l’intero pezzo riguarda una presunta irregolarità fiscale che – in ogni caso- non avrebbe alcuna rilevanza penale. L’episodio in questione risale a circa otto anni fa, e avvenne in una fase di avvicendamento dei consulenti che seguivano la mia attività» [...] «sottolineo che c’è un limite alla polemica politica e al sacrosanto diritto di critica e di cronaca. Quando il limite si varca - come è avvenuto nei pezzi offensivi e scandalistici costruiti contro di me - le persone perbene devono difendere la propria onorabilità».


Secondo il giornale incriminante la prova del misfatto si trova nell'atto notarile redatto per beneficiare di agevolazioni fiscali sulla prima casa, risparmiando il 7%. L'evasione sarebbe contenuta nelle illegittimità dell'agevolazione, prevista per l'acquisto della sola prima casa.

Di questa agevolazione la signora aveva già beneficiato nove mesi prima, in un precedente acquisto immobiliare; proprietà di cui si era liberata pochi giorni prima il contestato acquisto, facendone dono alla madre. Oltre all'evasione fiscale il quotidiano le contesta anche il reato di falso in atto pubblico, avendo dichiarato nell'atto notarile, eseguito presso il signor notaio Giancarlo Mazza: di non essere titolare esclusiva di diritti di proprietà su un'altra abitazione acquistata con le agevolazioni previste

Fonti[modifica]