Russia: ex presidente dell'Ucraina Janukovyč ha dato la terza conferenza stampa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 14 aprile 2014

Nella serata del 13 aprile 2014, l'ex presidente dell'Ucraina Viktor Janukovyč ha dato la sua terza conferenza stampa, dopo quelle di fine febbraio e di metà marzo, dalla città russa Rostov sul Don. Per la prima volta con lui erano presenti anche l'ex procuratore generale Viktor Pšonka e l'ex ministro degli interni Vitalij Zacharčenko, tutti e tre ricercati dall'attuale governo ucraino.

L'ex capo dello stato ha chiesto, che si ritiene ancora un capo legittimo del governo, alle forze dell'ordine ucraine di non sparare sulla popolazione poiché essa non lo perdonerà e ha accusato gli Stati Uniti d'America della intromissione nella situazione politica ucraina decidendone gli sviluppi. Secondo lui, il paese è sul piede della guerra civile anche per colpa degli americani. A detta dell'ex presidente, il direttore della CIA John Brennan ha provocato lo spargimento di sangue in Ucraina poiché è grazie alla Intelligence americana che le forze ucraine hanno incominciato alcune operazioni antiterroristiche nell'est del paese.

Secondo Janukovyč l'attuale governo dell'Ucraina porterà delle responsabilità penali e che per l'Ucraina non sono importanti le elezioni organizzate al più presto ma un ampio dialogo. Inoltre, ha sottolineato che l'economia ucraina sta galoppando verso la bancarotta.

Galleria immagini[modifica]

Fonti[modifica]