Seveso: trent'anni fa il disastro della diossina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

10 luglio 2006

Erano le 12.37 del 10 luglio 1976 quando una nube tossica sprigionatasi dalla Icmesa di Meda investe Desio, Meda, Cesano Maderno e Seveso. I cieli della Brianza vengono invasi dalla diossina a causa di una reazione chimica causa dell'esplosione di una valvola di sicurezza del reattore.

La fabbrica della svizzera Givaudan-Hoffman La Roche - che produceva soprattutto triclorofenolo, utile per la preparazione di diserbanti e cosmetici - si trasforma da "fabbrica dei profumi" (com'era chiamata allora) a "fabbrica della morte": periscono quasi 80.000 capi di bestiame e si diffonde il terrore, la disperazione, gravissimi danni alla salute.

"Foglie appassite lungo le strade, la moria degli animali... ricordo le pecore che si erano gonfiate enormemente. I bambini sembravano punzecchiati da qualcosa", dice oggi Mario Galimberti, corrispondente del Giorno sul luogo della tragedia. "In tutto il tempo che fui lì assistetti a scene davvero drammatiche che raggiunsero l'apice al momento dell'evacuazione della zona A [quella più inquinata]: gente che doveva abbandonare la propria terra, le proprie abitazioni costruite con fatica", continua il cronista.

Nel 1981 l'Icmesa fu demolita. Oggi nell'area che fu della "fabbrica dei profumi" è sorto un parco, il "Parco della Quercia", al centro del quale è stato realizzato un centro sportivo.

Fonte[modifica]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Seveso.

Wikiquote

Wikiquote ha una voce su Seveso.