Stati Uniti presentano i documenti per uscire dall'accordo sul clima di Parigi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 4 novembre 2019
Oggi, gli Stati Uniti hanno ufficialmente riferito alle Nazioni Unite di voler uscire dagli accordi sul clima di Parigi. Il presidente statunitense Donald Trump, sin dalla sua elezione nel 2017, ha sempre criticato l'accordo, che cerca di ridurre le emissioni di gas serra, ritenendolo dannoso per l'economia.

Il ritiro sarà effettivo fra un anno, il 4 novembre 2020, ovvero il giorno successivo alle elezioni presidenziali statunitensi. Molto probabilmente Trump cercherà un secondo mandato; qualora ciò non accadesse, il nuovo presidente potrà cambiare rotta, rispettando i termini dell'accordo.

La notizia è stata data dal segretario degli Stati Uniti Mike Pompeo, che ha aggiunto:

« [L'approccio degli Stati Uniti sul clima ha portato] risultati che parlano da soli: le emissioni di inquinanti atmosferici che hanno impatto sulla salute umana e sull'ambiente sono scese del 74% fra il 1970 e il 2018. Le emissioni di gas serra sono calate del 13% fra il 2005 e il 2017, anche se l'economia è cresciuta del 19% »

Fonti[modifica]