Tenerife: italiano sfregia la ex con l'acido, arrestato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 23 novembre 2018

Calle Obispo rey Redondo a San Cristobal de la Laguna

Un italiano di 45 anni si sarebbe reso colpevole dell'aggressione contro la sua ex fidanzata, buttandole dell'acido sul volto. La loro relazione era finita alcuni mesi fa, ma l'uomo, non ancora rassegnato, si è voluto vendicare sfregiandola con dell'acido. Secondo alcune fonti locali, il fatto sarebbe accaduto la sera di martedì in un bar vicino a San Cristóbal de La Laguna a circa 10 km da Tenerife. Sul luogo è intervenuta la polizia locale, chiamata dai vicini che avevano sentito le urla della donna, una 26enne spagnola, e che l'hanno soccorso.

Da quanto riferito sul sito Internet del giornale La Opinión, la giovane ha avuto delle ustioni al viso e al collo: ricoverata in condizioni abbastanza gravi all'ospedale universitario delle Canarie, è stata dimessa il giorno dopo. Dalle dichiarazione della donna, Maria Candelaria, si è venuto a sapere che l'uomo era arrivato a Tenerife da un paio di giorni per mettere in atto il suo progetto. Lei aveva già presentato diverse denunce, assieme al nuovo compagno, perché l'uomo continuava ad infastidirla, inviandole dei messaggi con minacce; nell'ultimo aveva pure preannunciato quelle che erano le sue intenzioni, ma Maria non ci aveva creduto, pensando che si trovasse in Italia.

A dare forza alla versione della donna spagnola, anche un vicino di casa, il quale lunedì scorso avrebbe telefonato alla Polizia poiché aveva notato una coppia aggirarsi in modo strano davanti la sua abitazione. Controllati dagli agenti, i due italiani avevano affermato di trovarsi lì per una vacanza di due giorni.

L'aggressore è stato fermato all'aeroporto di Tenerife mentre cercava di prendere un aereo per fare ritorno in Italia: ad identificarlo è stata proprio la sua ex fidanzata. Originario di Busto Arsizio, nella provincia di Varese, l'aggressore si trova adesso nel carcere di Tenerife con l'accusa di lesioni aggravate e violenza.

Fonti[modifica]