Vertenza taxi, accordo a Roma: 2500 taxi in più

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Roma, 25 luglio 2006

Il comune di Roma e i tassisti hanno raggiunto un accordo per fornire più taxi alla città e ai cittadini, sulla base del decreto sulle liberalizzazioni di Pierluigi Bersani. In questo modo si avranno a Roma 2500 taxi in più, oltre alle 450 nuove licenze già previste.

L'aumento si avrà attraverso una sistemazione dei turni e il prolungamento dell'orario di servizio, con la partecipazione al servizio di parenti e amici, proprio come dice il decreto. In questo modo, ha spiegato il sindaco Walter Veltroni, si avranno mille taxi in più la mattina, mille il pomeriggio e cinquecento la notte.

In questo modo, il parco taxi della capitale aumenta del 40%, e verrà monitorato probabilmente anche con sistemi di rilevazione satellitare, per verificare il rispetto dell'accordo.

L'accordo avrà effetto a partire da settembre, mentre le 100 nuove licenze saranno introdotte a luglio, altre 200 a settembre e 150 entro la fine dell'anno.

Un altro punto dell'accordo prevede che vi sia una tariffa a forfait per alcune tratte, ovvero per andare da Fiumicino e Ciampino fino al centro storico di Roma, la tariffa sarà indipendente dal tempo impiegato per percorrerlo.

Fonti[modifica]