Yemen: attacco kamikaze di Al Qaida a Al-Mukalla

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 25 febbraio 2012

La città di Al-Mukalla

Sono almeno 26 i morti dell'attentato che questa mattina un kamikaze alla guida di un'auto ha sferrato contro la residenza presidenziale di Al-Mukalla, capoluogo del governatorato di Hadramawt nel sud-est dello Yemen. I morti sono tutti yemeniti membri della guardia presidenziale, mentre secondo la televisione al-Arabiya l'attentatore potrebbe essere Mohammed al-Sayari, un saudita. L'attentato è stato rivendicato da Al Quaida, organizzazione duramente attaccata da Abde Rabbo Mansour Hadi, il nuovo presidente yemenita, che proprio oggi ha giurato davanti al Parlamento.

Questo attentato evidenzia come la crisi che il paese sta attraversando dal 2004 non si sia risolta con le dimissioni del ex-presidente Ali Abdullah Saleh. Saleh infatti era stato indicato da molti come l'istigatore della guerra civile che da 8 anni imperversa nel nord del paese.

Fonti[modifica]