Aereo cade in mare vicino a Palermo 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

6 agosto 2005

foto di un ATR-72

Un aeroplano si è schiantato in acqua, durante un tentativo di ammaraggio d'emergenza a 12 miglia a Nord Est di Capo Gallo, vicino a Palermo. Nella sciagura sono rimaste uccise almeno 13 persone.

L'aereo della compagnia aerea tunisina Tuninter stava volando con a bordo 39 persone (34 passeggeri e 5 membri dell'equipaggio) da Bari a Djerba quando ha avuto dei problemi al motore. Il pilota ha prima chiesto l'autorizzazione ad un atterraggio d'emergenza all'aeroporto di "Falcone-Borsellino" di Palermo Punta Raisi, ma in seguito ha comunicato di non essere nemmeno in grado di tentare di raggiungere questo aeroporto e che tentava un ammaraggio d'emergenza.

Le notizie su quanto accaduto e soprattutto sul numero delle persone recuperate sono state alquanto frammentarie.

Un magistrato di Palermo ha affermato ad un certo punto che tra le persone recuperate c'erano 20 sopravvissuti.

L'aeroplano della Tuninter, un ATR-72 era decollato da Bari e a quanto affermano le prime ricostruzioni ha iniziato ad avere problemi e una mancanza di potenza prima ad uno dei due motori poi anche all'altro. Tutti i passeggeri che erano a bordo, a quanto viene riferito, erano italiani.

Tra i primi dieci paseggeri sopravvisuti sbarcati a Palermo, uno di loro ha commentato, secondo quanto riferito dall'Ansa: "Siamo vivi per miracolo".

Il capitano Chafik Garbis ha riferito all'Ansa: "I motori hanno perso potenza e sono stato costretto ad ammarare."

Cartina del luogo vicino a Palermo

La maggior parte dei sopravvissuti sono feriti e la maggior parte di loro hanno dei segni di bruciatura. Questo lascia presumere che si sia sprigionato un incendio subito prima o subito dopo l'impatto con l'acqua. L'incendio ha aumentato le difficoltà della situazione.

Il relitto dell'aeroplano è stato trovato spezzato in 3 parti.

Il numero delle persone decedute non è ancora dato per certo. Un membro dell'autorità italiana ha riferito alla radio italiana Rai, mentre stava tornando a terra dal luogo dell'incidente, che vi erano ancora alcuni dispersi.

l'ANSV (Agenzia nazionale sicurezza al volo) ha aperto un'investigazione internazionale che coinvolgerà anche la Francia (dove vengono costruiti gli aeroplani ATR) e la Tunisia.

Il Publico Ministero di Palermo ha detto alla televisione italiana Rai, "Per fortuna, e questa è la cosa più importante, possiamo escluder che si tratti di un attentato terroristico". Successivamente ha però aggiunto che non sono ancora iniziate le indagini e per escludere completamente tale ipotesi sarà necessario attendere l'esito delle indagini.

Fonti

Risorse