Archiviato impeachment contro Napolitano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedi 11 febbraio 2014

Il Comitato d'inchiesta parlamentare ha archiviato la richiesta di messa in stato d'accusa presentata dal MoVimento 5 Stelle nei confronti del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. È passata, infatti, la proposta d'archiviazione presentata dal Partito Democratico. I voti favorevoli all'archiviazione dell'impeachment sono stati 28. Insieme al PD hanno votato Nuovo Centrodestra, Sinistra Ecologia e Libertà, Scelta Civica, Popolari per l'Italia, otto i voti contrari dei 5Stelle.

Non ha partecipato alla votazione Forza Italia, chiedendo chiarezza sulla vicenda riportata da Alan Friedman. Il giornalista scrive che già nell'estate del 2011 il presidente della Repubblica avrebbe contatto l'ex premier Mario Monti chiedendogli la disponibilità a subentrare come presidente del consiglio a Silvio Berlusconi. Il senatore a vita ha confermato la versione dei fatti, ma affermando di non trovarci nulla di strano dal momento che in quell'estate "decine di persone" gli chiedevano la disponibilità e di ritenere irresponsabile, invece, "un presidente della Repubblica che si mettesse nello studio del Quirinale a riflettere vediamo un po' chi può essere a guidare il governo il giorno dopo che il presidente del Consiglio uscente ha rassegnato le sue dimissioni".

Reazioni politiche all'archiviazione della richiesta di impeachment. Dal M5S, arriva l'attacco di Beppe Grillo a Napolitano, che definisce "problema del paese" e parla di "coraggio di conigli" rivolto a Forza Italia, uscita dall'aula per non votare chiedendo chiarezza al Colle e valutando l'impugnazione.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]