Berlusconi: largo vantaggio di seggi sia alla Camera che al Senato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 5 marzo 2008
Silvio Berlusconi, leader del Popolo della Libertà, ha annunciato che i sondaggi indicano in dieci punti percentuali lo scarto del suo partito sul Partito Democratico, nei sondaggi elettorali, e ha pronosticato, in caso di vittoria alle elezioni del 13-14 aprile prossimi, un vantaggio di circa 30 senatori al Senato.

Nel corso della registrazione del programma di Bruno Vespa, Porta a Porta, dice: «Con questa sistema elettorale penso che avremo oltre 70 seggi in più alla Camera e 30 in più al Senato», per poi aggiungere che «i punti di scarto con il Pd erano e sono rimasti 10».

Alla domanda se fosse preoccupato per i dati dei sondaggi proposti da Renato Mannheimer risponde: «Le sembro triste, preoccupato?».

Secondo il cavaliere, il PDL si sta riscattando nelle regioni "rosse", dopo una domanda sulle zone in cui è più diffuso il partito: «In Campania abbiamo un vantaggio notevolissimo».

Fonti[modifica]