Berlusconi consegna le case ad Onna

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedì 15 settembre 2009

Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ed il Direttore del Dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso (foto), consegnano oggi le prime novantaquattro villette prefabbricate in legno, costruite grazie ai fondi raccolti dalla Croce Rossa Italiana ed alla manodopera fornita dalla Protezione Civile e dalla Provincia autonoma di Trento, per i terremotati residenti nel paese di Onna.

Bertolaso ha spiegato che codeste abitazioni: «vengono utilizzate come chalet o seconde case nelle zone di montagna e sull'Appennino», sono perciò «assolutamente definitive, realizzate per dare certezza del futuro».

Per la fine dei lavori di costruzione delle altre case progettate con criteri antisismici si dovrà attendere ancora, fino ai primi di dicembre, ma tutto procede come previsto dal Governo e dalla Protezione Civile. Il premier Silvio Berlusconi ai telegiornali ha detto di «guardare al futuro con tanta speranza e serenità».

Massimo D'Alema ha dichiarato che Berlusconi non dovrebbe esporsi né festeggiare, perché «le villette che erano state promesse da Berlusconi [...] non sono ancora pronte»; i meriti fino ad ora apparterrebero unicamente al presidente della provincia di Trento Lorenzo Dellai, che ha fatto dono dei prefabbricati.

A queste argomentazioni Guido Bertolaso ha risposto: «Qui abbiamo un successo del Sistema Italia, di cui dovremmo tutti essere orgogliosi e invece si sollevano dei distinguo fra chi li ha costruiti e chi li ha finanziati. [...] Ad Onna avremmo potuto fare tutto da soli ma proprio perché Onna, completamente rasa al suolo, è un simbolo di questo terremoto, abbiamo voluto coinvolgere più organismi. Abbiamo chiesto alla protezione civile del Trentino di realizzare le case e alla Croce Rossa di pagarle»


Fonti[modifica]