Calcio, Milan: disfatta con il Lugano, Ancelotti a rischio esonero

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 12 settembre 2008

Ancelotti ora rischia la panchina

Dopo il 2-0 rimediato in amichevole contro il Lugano, squadra di seconda divisione svizzera, solo l'ultima di una lunga serie (dal 5-0 del Torneo di Mosca contro il Chelsea alla sconfitta col Bologna in campionato), nel Milan a rischiare ora è Carlo Ancelotti.

Dopo la débâcle in terra svizzera, Ancelotti ha fortemente attaccato i giocatori dichiarando: «Ora mi sono proprio rotto. C'è da correre.» Ma inevitabilmente chi è sotto accusa è lui, con il rischio di un esonero. A questo punto, sarà decisiva la partita di domenica contro il Genoa: in caso di sconfitta, l'ipotesi dell'esonero potrebbe divenire realtà. Per il sostituto, già circolano i primi nomi: si parla dell'ex c.t. della Nazionale Roberto Donadoni; l'ex Barça - da allenatore - e già al Milan da giocatore Frank Rijkaard sarebbe il sogno.

Intanto, si riunisce oggi al gruppo Ronaldinho, di rientro dai fischi con la Seleção nella partita contro la Bolivia, pareggio 0-0 valido per le qualificazioni a Sudafrica 2010. Da valutare le condizioni del brasiliano e spetterà ad Ancelotti decidere se schierarlo o no domenica al "Marassi". Inzaghi starà fermo 20 giorni per l'infortunio rimediato a Lugano, mentre Borriello è tornato a lavorare con i compagni. Kaká, probabilmente l'unica nota positiva del k.o. di Lugano, non è al meglio.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]