Discussione:Elezioni europee 2009, il PdL presenta la riforma della legge elettorale/Commenti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

← Ritorna all'articolo

Commenti

Questo è lo spazio per i commenti alla notizia. Se vuoi far presente un problema all'articolo in sé, come, ad esempio, un errore, devi usare la pagina di discussione relativa. I commenti presenti in questa pagina non devono essere conformi al punto di vista neutrale, ma, in ogni caso, devi rimanere in argomento ed evitare insulti, parolacce e altre parole che possono riscaldare gli animi. Sii comprensivo e gentile. Una discussione civile e un dibattito educato rende le pagine di commento un luogo amichevole. Pensa, prima di inserire il tuo commento.
Ricorda di firmare i commenti usando 4 tildi (~~~~), che verranno automaticamente sostituite col tuo nome utente e la data corrente.

Clicca qui per aggiungere un nuovo commento · Aggiungi il tuo commento a uno già esistente

che schifo  — Questo commento non firmato è stato inserito da 83.224.227.234 (discussioni contributi) 23:23, 23 ago 2008 (CEST).

Europee 2009. PD or not PD ?[modifica]

Per aggiornamenti in materia, si vedano:

[1] [2] [3] [4] [5]  — Questo commento non firmato è stato inserito da 79.26.60.177 (discussioni contributi) 14:12, 24 ago 2008 (CEST).

effettivamente è una porcata......ha ragione Di Pietro. Sono militante di A.N. ed ho votato il p.d.l. ma devo essere sincero: l'eliminazione delle preferenze mi sa un pò di dittatura..... Spero di sbagliarmi.... Lo sbarramnro va bene, forse un pò altina la soglia del 5%, magari un 3% sarebbe stato più opporuno e politicamente corretto.  — Questo commento non firmato è stato inserito da 89.97.124.4 (discussioni contributi).

== la Casta ha deciso di toglierci le preferenze anche dalle elezioni Europee! ==

Avete presente la nostra attuale legge elettorale per le elezioni poliche? Si proprio quella definita "porcata" dal suo autore Calderoli! Sei mesi fa quasi tutti (esclusa Forza Italia) erano concordi sulla necessità di modificarla anche per restituire agli elettori un minimo di scelta. Persino il troppo spesso silente Presidente della Repubblica aveva invitato a farlo. Fra l'altro "la porcata" prevede anche il meccanismo delle candidature multiple, un'assurdità che ulteriormente impedisce all'elettore di scegliere il suo rappresentante. Agli Italiani hanno negato un referendum in proposito!

Invece no! Non solo non verrà toccata, ma invece sembra si procederà presto ad eliminare le preferenze anche dalle elezioni Europee.Berlusconi vuole così (lui si sa che una volta eletto, bada solo alle sue priorità). Ovviamente ci racconterà che lo fa per noi per "miglirare" la legge per le Europee, bla, bla, bla... Ma probabilmente tutta la casta vuole così!

Questo cosa vuol dire? Vuol dire che in Italia un pugno di persone sono in grado di scegliere ad uno ad uno l'intero parlamento (ovvero in nostri rappresentanti) senza che gli elettori possano interferire minimamente con la scelta delle persone!

Questo ci sta portando ad avere un Parlamento sempre più zeppo di parenti, avvocati, amici ai quali basta essere inseriti nei primi posti della lista per essere sicuri del posto in Parlamento. Non hanno bisogno di farsi conoscere dai propri elettori, di dimostrasri capaci, competenti, di tenere comizi o dibattiti. Niente!

Ed una volta eletti avranno un solo vincolo: quello di riconoscenza nei confronti del capo che li ha nominati! Nessun vincolo con gli elettori.

Daltronde come non essergli riconoscente visto che con l'elezione li ha sistemati a vita, ma con i nostri soldi! Certo, invece la Costituzione prevede che il parlamentare debba godere della massima indipendenza di fronte a qualsiasi pressione e che voti solo secondo coscienza. Ma che importa, e poi chi legge più la costituzione?

In conclusione costoro sono selezionati non già per la loro competenza, capacità o dirittura morale (lo so oggigiorno fa ridere), ma soprattutto per essere fedeli al capo e votare solerti a comando senza alcun problema di coscienza. E a tale fine per il capo è meglio avere delle personalità di secondo piano, più semplici da gestire, le quali non abbiano un consenso ed un riconoscimento popolare col quale dover venire a patti.

Ora come pensiamo che questi "nostri rappresentanti" (si fa per dire) possano fare i nostri interessi?

Se ci teniamo al futuro del Paese dobbiamo assolutamente evitare che si vada in questa direzione, informando e mobilitandoci contro la modifica della legge elettorale Europea (qual'è l'urgenza poi?) e insistendo per la modifica della legge elettorale per le politiche!

saluti

Jack

NOTA: I classici argomenti utilizzati per giustificare l'eliminazione delle preferenze sono:

1) Le preferenze creano il voto di scambio. Palle! Il voto di scambio c'è anche in assenza di preferenze per convincere a non votare il partito opposto. Se si vuole veramente combattere il voto di scambio si devono eliminare tutte le discrezionalità delle nomine politiche, rendere seri e trasparenti i concorsi e gli appalti, e dare pieni poteri alla magistratura, ma i politici se ne guardano bene!

2) In molti altri stati non ci sono preferenze. Si, ma non ci sono nemmeno i "partiti personali" o i "partiti azienda" come da noi. Nei partiti esistono meccanismi di democrazia interna consolidati o addirittura primarie. E sono altresi consolidate prassi di trasparenza, selezione dei candidati e automatica esclusione di chi è condannato, ha conflitti di interessi, ecc...  — Questo commento non firmato è stato inserito da 151.66.130.116 (discussioni contributi).

PD or not PD ?[modifica]

A proposito del 'Porcellum' e di una pdemocratica europea elezione si può consultare il seguente link

[6]