Discussione:Mar Mediterraneo minacciato da invasione di meduse/Commenti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

← Ritorna all'articolo

Commenti

Questo è lo spazio per i commenti alla notizia. Se vuoi far presente un problema all'articolo in sé, come, ad esempio, un errore, devi usare la pagina di discussione relativa. I commenti presenti in questa pagina non devono essere conformi al punto di vista neutrale, ma, in ogni caso, devi rimanere in argomento ed evitare insulti, parolacce e altre parole che possono riscaldare gli animi. Sii comprensivo e gentile. Una discussione civile e un dibattito educato rende le pagine di commento un luogo amichevole. Pensa, prima di inserire il tuo commento.
Ricorda di firmare i commenti usando 4 tildi (~~~~), che verranno automaticamente sostituite col tuo nome utente e la data corrente.

Clicca qui per aggiungere un nuovo commento · Aggiungi il tuo commento a uno già esistente


Gli scienziati e biologi marini hanno notato un’anomala proliferazione di questo celenterato in tutti i mari del pianeta, anche nel nostro Mediterraneo.

Ma quali sono le cause? Sicuramente i cambiamenti climatici (innalzamento della temperatura dell’acqua) ed il numero sempre più esiguo di nemici naturali (le tartarughe marine, i tonni, i pesce spada ed i cetacei). Pare che, infine, l’inquinamento stesso ne favorisca la proliferazione, quindi è da escludere la leggenda metropolitana che le meduse si trovano solo nei mari puliti (guardate oggi il mare di Genova, certificato come inquinato: è pieno di meduse). I recenti studi, infatti, confermano che le meduse si riproducono e vivono anche in ambienti inquinati, poveri di ossigeno, ma ricchi di sostanze nutritive. L’immissione in mare di prodotti chimici derivanti da attività agricole e zootecniche e dal cattivo funzionamento dei depuratori favorisce l’anomala riproduzione del fitoplancton (microrganismi vegetali) che alimenta lo zooplancton (microrganismi animali) a sua volta nutriente delle meduse. Le quali, quindi, non sono affatto simbolo di acque pulite, ma indicatore di un ecosistema marino alterato. Se le meduse mediterranee non sono pericolose più di tanto, nei mari tropicali esistono alcune specie in grado di uccidere un uomo in pochi minuti (come la medusa cubo australiana per esempio). La proliferazione delle meduse è un problema ecologico internazionale (che va ben oltre il fatto di non poter “fare il bagno”), è un grave segnale di squilibrio ambientale che non rientra nella normale evoluzione del pianeta.  — Questo commento non firmato è stato inserito da 83.139.209.243 (discussioni contributi).