Eletto il Parlamento della XVII Legislatura

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 28 febbraio 2013

segui lo Speciale Elezioni 2013

A seguito delle elezioni del 24 e 25 febbraio è stato eletto il nuovo Parlamento italiano. L'affluenza è stata del 75%, in calo del 5% rispetto alle precedenti elezioni. Circa il 31% degli elettori ha dato il proprio voto alla coalizione Italia. Bene Comune guidata da Pier Luigi Bersani, il 30% alla coalizione Berlusconi Presidente guidata da Silvio Berlusconi, il 25% al MoVimento 5 Stelle guidato da Beppe Grillo e il 10% alla coalizione Con Monti per l'Italia guidata da Mario Monti. La distribuzione dei seggi assegnati è differente per quanto riguarda la Camera e il Senato.

Al Senato infatti saranno presenti 123 senatori della coalizione Italia. Bene Comune (PD, SEL, SVP, Crocetta), 117 della coalizione Berlusconi Presidente (PDL, LN, GS), 54 del MoVimento 5 Stelle, 19 della lista Con Monti per l'Italia, 1 del Movimento Associativo Italiani all'Estero e 1 della lista Vallée d'Aoste.

Alla Camera invece saranno presenti 345 deputati della coalizione Italia. Bene Comune (PD, SEL, CD, SVP), 125 della coalizione Berlusconi Presidente (PDL, LN, FDI), 109 del Movimento 5 Stelle, 47 della coalizione Con Monti per l'Italia (Monti, UDC), 2 del Movimento Associativo Italiani all'Estero, 1 della lista Vallée d'Aoste e 1 del USEI.

La differente distribuzione è regolata secondo l'attuale legge elettorale, la Legge Calderoli, che prevede l'assegnazione di un premio di maggioranza, che al Senato è su base regionale ed è stato del 5,9% per la coalizione Italia. Bene Comune e del 7,8% per la coalizione Berlusconi Presidente. Alla Camera invece il premio è su base nazionale ed è stato del 25% per la coalizione Italia. Bene Comune.

L'attuale Parlamento rimarrà in carica fino all'insediamento di quello nuovo, che deve avvenire entro 20 giorni dalle elezioni. Nel decreto di scioglimento delle Camere la data indicata per la prima riunione della XVII Legislatura è il 15 marzo. Durante le prime sedute verranno eletti i presidenti di Camera e Senato.

Una volta eletti i presidenti delle Camere e formati i gruppi parlamentari, il Presidente della Repubblica potrà avviare le consultazioni, presumibilmente il 21 marzo, per poi nominare il nuovo Presidente del Consiglio e il nuovo Governo, che dovrà poi presentarsi entro 10 giorni alle Camere per chiederne la fiducia.

Dato che la coalizione vincente Italia. Bene Comune non ha raggiunto la maggioranza assoluta al Senato, avendo ricevuto il 39% dei seggi, è probabile che il nuovo Governo venga sostenuto da più di una formazione politica. Nel frattempo il Governo attuale rimane in carica.

Il 15 aprile il Presidente della Camera dovrà convocare il Parlamento in seduta comune assieme a 58 delegati regionali per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. In questa fase su 1007 delegati la coalizione Italia. Bene Comune ne conterà 468 a cui vanno ad aggiungersi alcuni dei delegati regionali.

La reazione dei mercati è stata negativa il 26 febbraio con Milano che ha chiuso a -4,89%, Madrid -3,2%, Parigi -2,67%, Francoforte -2,27% e lo spread BTP-Bund a 344 punti (+57), mentre sono rimbalzati il giorno dopo con Milano a +1,8%, Madrid +1,95%, Parigi +1,92%, Francoforte 1,04% e lo spread a 336 punti (-8).

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]