Finale NBA 2008, gara 4: Los Angeles Lakers - Boston Celtics

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 11 giugno 2008


Los Angeles, gara 4 delle finali NBA e possibilità per i Lakers di impattare la serie, in questo momento conducano infatti i Celtics per 2 a 1.

La palla a due viene vinta dai Lakers, che partono fortissimo, i Boston non riescono a controbattere alla marea giallo-viola, il primo quarto fa segnare un distacco record (mai nelle finali NBA si era registrato un tale vantaggio dopo i primi 12 minuti gioco), più 21. Il grande protagonista di questa prima parte di gara è Odom che mette a referto 11 punti, con un 5 su 5 dal campo, 5 rimbalzi e 2 assist; Bryant segna solo 3 punti (tutti su tiro libero) ma distribuisce 4 assist ai compagni e recupera 3 palloni. Il dominio dei Los Angeles è emblematico il conto dei rimbalzi li vede prevalere per 14 a 6, il tabellone del punteggio recita 35-14 Lakers.

Nel secondo quarto la tripla di Vujačić a 6:45 dal termine vale il massimo vantaggio per i Los Angeles, più 24. Doc Rivers decide allora di aggiustare la squadra: il coach dei Celtics schiera il quintetto basso, con Garnett centro mentre Pierce va a marcare Bryant. Il cambiamento dà i suoi frutti: parziale di 12 a 0 per i Boston, che però viene interrotto da un gioca da 3 punti di Fisher e dalla schiacciata di Pau Gasol; infine la tripla allo scadere di Farmar consente ai Lakers di mantenere un vantaggio consistente (58 a 40). Per la squadra di casa 15 punti e 8 rimbalzi per Odom, 10 e 5 per Gasol, 9 punti per Fisher e 6 punti con 5 rimbalzi e una stoppata per l'incredibile Ariza; Bryant chiude il primo tempo senza segnare dal campo ma con 6 assist a referto. Per i Boston l'unico giocatore in doppia cifra è il sesto uomo Posey con 10 punti.

La svolta della gara si ha nel terzo quarto: a 9:35 dal termine esce Perkins, autore del quarto fallo personale e con una spalla malmessa, e rientra Posey; Doc Rivers prova a giocarsela con il quintetto basso. Cambiano nuovamente le strategie difensive e Pierce torna su Bryant, che invece marca House; Posey marca Odom, che invece tiene Pierce. A poco meno di 5:00 dal termine Pierce stoppa Bryant e dà in là ad una storica rimonta per la sua squadra, nemmeno l'uscita per 5 falli di Posey (con il conseguente esordio nelle finali per Tony Allen) riesce a fermare i Boston, il quarto si chiude 73 a 71 per i Los Angeles, che subiscono un parziale di 21 a 3.

Nel quarto periodo l'inerzia è tutta per i Celtics; la squadra di Doc Rivers grazie alla difesa di Posey che annulla Odom e a quella di Pierce su Bryant, riesce a portarsi per la prima volta nella gara avanti grazie al canestro di House a 4:07 dal termine: il punteggio è Los Angeles 83 - Boston 84. Ray Allen recupera palla su Gasol poi, dopo un rimbalzo offensivo va a segnare un lay-up rovesciato battendo Bryant in palleggio e i raddoppi di Gasol e Odom, quindi è il turno di Garnett che allunga per Boston; Bryant riporta la sua squadra sotto di 2, ma Posey segna la sua seconda tripla nel quarto (l'altra l'aveva messa poco prima del sorpasso), i Boston rimangono a 2 possessi di vantaggio. Bryant distribuisce 2 assist per Fisher e Gasol, intervallati dai 2 liberi a segno di Pierce; i Boston sono ancora in vantaggio di 3, con palla in mano, a 40 secondi dal termine: Ray Allen batte in palleggio Vujačić, non c'è aiuto poiché gli altri difensori marcano i tiratori dei Boston e "Candyman" segna di sinistro da sotto. La partita si chiude 97 a 91 per i Celtics.

Boston ha fatto registrare la più grande rimonta nella finali NBA dal 1948 quando Baltimora riuscì a recuperare uno svantaggio di 21 e a imporsi 66 a 63 contro Philadelphia. Pierce ha messo a segno 20 punti, conditi da 7 assistenze mentre R.Allen, che ha giocato tutti e 48 i minuti, ha concluso la gara con 19 punti e 9 rimbalzi. I due hanno segnato ben 24 punti nel secondo tempo; ma i protagonisti inattesi sono stati Posey, che ha segnato 18 punti e Eddie House, 11 punti e un plus/minus di +20. Per le file di Los Angeles Bryant ha finito con 17 punti e 10 assist, ma anche con 6 su 19 al tiro; Odom ha segnato 15 dei suoi 19 nel primo tempo, con l’aggiunta di 10 rimbalzi; Pau Gasol ne ha messi 17, anche lui conditi da 10 rimbalzi, perfino gli altri 2 titolari in doppia cifra (Radmanović 10 e Fisher 13) ma solo 15 punti dalla panchina contro i 35 di Boston.


Fonti[modifica]

  • Diretta della partita su SKY Sport 2 a partire dalle ore 2:45 del 11 giugno 2008


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.