Il Napoli ha vinto la Coppa Italia 2020

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 18 giugno 2020

Finale di Coppa Italia 2020
Coppa Italia - Logo 2019-2020.svg
Vincitore
Napoli Napoli
Secondo
Juventus Juventus
Punteggio
0–0 (4-2 d.c.r.)
Data
17 giugno 2020
Stadio
Olimpico di Roma
Sito web
Finale

La finale della Coppa Italia 2019-2020 si è disputata ieri, 17 giugno, alle 21:00, fra Napoli e Juventus. Il campo, come ogni anno, era lo Stadio Olimpico di Roma; diversamente dalle altre finali, però, non c'era nessuno spettatore a guardare la partita, causa restrizioni per la pandemia di COVID-19.

La finale è stata vinta dal Napoli ai rigori, battendo la Juventus e diventando così la sesta Coppa Italia vinta dopo quella del 2014 e il primo titolo da allenatore per Gattuso.

Antefatti[modifica]

Dopo la pausa del campionato avvenuta a marzo a causa della pandemia di COVID-19, era incerta la ripresa della Serie A e della Coppa Italia. Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha dato l'avvio al campionato il 28 maggio, mentre per la coppa si è dovuto aspettare il 5 giugno: Spadafora, tramite un post su Facebook, ha annunciato le date delle semifinali e della finale, tenutasi il 17 giugno.

Lo sponsor del match[modifica]

Lo sponsor di questa edizione della Coppa Italia è stato Coca-Cola. La multinazionale statunitense, che ha sostituito la TIM, aveva fatto da sponsor principale anche alla Supercoppa italiana dello scorso dicembre, vinta dalla Lazio. Anche la prossima stagione di Serie A sarà sponsorizzata dall'azienda. L'amministratore delegato del campionato, Luigi De Siervo, ha dichiarato: «Accogliamo con grande entusiasmo Coca-Cola, uno dei brand più conosciuti al mondo, tra i nostri partner. Questa partnership è la conseguenza di un processo di riposizionamento del brand Serie A e di valorizzazione dei nostri asset commerciali che stiamo costruendo negli ultimi mesi con la piena collaborazione dei club associati».

È sempre Coca-Cola l'artefice della trovata per risolvere il problema del pubblico: gli spalti sono stati riempiti con delle coreografie digitali, prodotte in grafica virtuale via software.

L'inno di Mameli[modifica]

Per quest'edizione, la performance dell'Inno di Mameli è stata affidata a Sergio Sylvestre , vincitore della quindicesima edizione degli Amici di Maria de Filippi. Tuttavia, non è andato tutto liscio: nel momento del «le porga la chioma», il cantante ha sbagliato l'attacco esitando, per poi riprendere a cantare. Alla fine dell'inno ha alzato il pugno al cielo dicendo «No justice, no peace», in riferimento al movimento del Black Lives Matter e alle proteste nate negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd. Il cantante è stato attaccato sui social per il suo errore; successivamente, ha replicato: «È stata una serata molto emozionante, non sono mai stato così emozionato neanche quando sono stato ad Amici o a Sanremo. Sentire questo eco così forte, in uno stadio così vuoto mi ha fatto bloccare. Mi è venuta una tristezza molto forte, queste cose qui mi bloccano, perché mi coinvolge tanto. Vedere un palco così vuoto è un peccato solo questo».

Dopo l'inno c'è stato il minuto di silenzio dedicato alle vittime del COVID-19.

La partita[modifica]

È Arkadiusz Milik a segnare il rigore decisivo della partita

Primo tempo[modifica]

Alle 21:00 inizia la partita: vediamo un Napoli che parte timido e rischia già all'inizio, con un retropassaggio di Maksimovic intercettato da Dybala, che ha passato il pallone a Ronaldo in area. Tiro parato da Meret, il quale è stato usato al posto di Ospina, squalificato. Le prime azioni del Napoli nella trequarti avversaria si vedono dopo il 15' minuto di gioco: una punizione di Insigne al 24' prende il palo esterno, rimettendo in carreggiata gli azzurri. Poco prima dello scadere del primo tempo Demme colpisce il primo palo con il destro, e Insigne costringe Buffon a parare un tiro da fuori area.

Secondo tempo[modifica]

La ripresa si è giocata a bassi ritmi: l'occasione più importante c'è al 93', dove il Napoli riesce a guadagnarsi un calcio d'angolo, concluso con un colpo di testa di Maksimovic parato da Buffon. Poco dopo, Elmas tira a rimbalzo verso il centro della porta: il portiere bianconero è costretto ad intervenire con i pugni, respingendo la palla sul palo.

Rigori[modifica]

A causa delle restrizioni COVID-19 non si giocano i tempi supplementari: si va direttamente ai rigori, dove la squadra di Gattuso si è rivelata la più lucida. Il primo a battere è Dybala, il quale tiro viene parato da Meret. Segue il gol di Insigne per il Napoli, e un altro errore da parte della Juventus con Danilo che la manda sopra la traversa. Da qui in poi segnano tutti dal dischetto: Politano, Bonucci, Maksimovic, Ramsey e Milik, che grazie al suo tiro chiude i rigori con un risultato di 4-2 e permette al Napoli di vincere la Coppa Italia.

Dettagli[modifica]

Roma
17 giugno 2020, ore 21:00 CEST[1]
Gara 79
Napoli Napoli 0 – 0
[2]
referto
Juventus Juventus Stadio Olimpico (0[3] spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Napoli
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Juventus
P 1 Flag of Italy.svg Alex Meret
D 22 Flag of Italy.svg Giovanni Di Lorenzo
D 19 Flag of Serbia.svg Nikola Maksimović
D 26 Flag of Senegal.svg Kalidou Koulibaly
D 6 Flag of Portugal.svg Mário Rui Ammonizione al 77’ 77’ Uscita al 81’ 81’
C 8 Flag of Spain.svg Fabián Ruiz Uscita al 80’ 80’
C 4 Flag of Germany.svg Diego Demme
C 20 Flag of Poland.svg Piotr Zieliński Uscita al 88’ 88’
A 7 Flag of Spain.svg José María Callejón Uscita al 66’ 66’
A 14 Flag of Belgium.svg Dries Mertens Uscita al 67’ 67’
A 24 Flag of Italy.svg Lorenzo Insigne Captain sports.svg
A disposizione:
P 27 Flag of Greece.svg Orestīs Karnezīs
C 5 Flag of Brazil.svg Allan Ingresso al 80’ 80’
A 9 Flag of Spain.svg Fernando Llorente
A 11 Flag of Mexico.svg Hirving Lozano
C 12 Flag of North Macedonia.svg Eljif Elmas Ingresso al 88’ 88’
D 13 Flag of Italy.svg Sebastiano Luperto
A 21 Flag of Italy.svg Matteo Politano Ingresso al 66’ 66’
D 23 Flag of Albania.svg Elseid Hysaj Ingresso al 81’ 81’
D 31 Flag of Algeria.svg Faouzi Ghoulam
C 34 Flag of Germany.svg Amin Younes
D 44 Flag of Greece.svg Kōstas Manōlas
A 99 Flag of Poland.svg Arkadiusz Milik Ingresso al 67’ 67’
Allenatore:
Flag of Italy.svg Gennaro Gattuso
Napoli vs Juventus 2020-06-17.svg
P 77 Flag of Italy.svg Gianluigi Buffon
D 16 Flag of Colombia.svg Juan Cuadrado Uscita al 85’ 85’
D 4 Flag of Netherlands.svg Matthijs de Ligt
D 19 Flag of Italy.svg Leonardo Bonucci Captain sports.svg Ammonizione al 51’ 51’
D 12 Flag of Brazil.svg Alex Sandro
C 30 Flag of Uruguay.svg Rodrigo Bentancur
C 5 Flag of Bosnia and Herzegovina.svg Miralem Pjanić Uscita al 74’ 74’
C 14 Flag of France.svg Blaise Matuidi
A 11 Flag of Brazil.svg Douglas Costa Uscita al 65’ 65’
A 10 Flag of Argentina.svg Paulo Dybala Ammonizione al 83’ 83’
A 7 Flag of Portugal.svg Cristiano Ronaldo
A disposizione:
P 1 Flag of Poland.svg Wojciech Szczęsny
P 31 Flag of Italy.svg Carlo Pinsoglio
D 2 Flag of Italy.svg Mattia De Sciglio
C 8 Flag of Wales.svg Aaron Ramsey Ingresso al 85’ 85’
D 13 Flag of Brazil.svg Danilo Ingresso al 65’ 65’
D 24 Flag of Italy.svg Daniele Rugani
C 25 Flag of France.svg Adrien Rabiot
A 33 Flag of Italy.svg Federico Bernardeschi Ingresso al 74’ 74’
A 35 Flag of Italy.svg Marco Olivieri
C 38 Flag of Italy.svg Simone Muratore
A 44 Flag of Albania.svg Giacomo Vrioni
A 46 Flag of Italy.svg Luca Zanimacchia
Allenatore:
Flag of Italy.svg Maurizio Sarri

Note[modifica]

  1. La finale, inizialmente in programma il 13 maggio 2020, è stata posticipata in un primo momento al 20 maggio 2020, ma successivamente rinviata al 17 giugno 2020, a causa della pandemia di COVID-19, cfr. Comunicato ufficiale n. 236 del 12 giugno 2020 (pdf). 12 giugno 2020. URL consultato il 12 giugno 2020.
  2. A causa della stesura del nuovo calendario della Serie A 2019-2020, in conseguenza alla pandemia di COVID-19, per limitare lo stress muscolare dei giocatori e il rischio di infortuni, il 10 giugno 2020 è stato modificato il regolamento in corsa eliminando i tempi supplementari. I w:tiri di rigore sono stati effettuati allo scadere dei 90 minuti regolamentari, cfr. «Comunicato ufficiale n. 235 del 10 giugno 2020» (pdf), 10 giugno 2020. URL consultato in data 10 giugno 2020.
  3. Incontro disputatosi a porte chiuse a causa della pandemia di COVID-19, cfr. (12 giugno 2020) Comunicato ufficiale n. 218/A del 12 giugno 2020.

Fonti[modifica]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Coppa_Italia_2019-2020.