Iraq, giornata di sangue, Rice a sorpresa a Erbil

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

15 maggio 2005

Condoleeza Rice

Condoleeza Rice, il segretario di stato degli Stati Uniti è arrivata oggi, 15 maggio 2005, in Iraq per una visita a sorpresa per sostenere il nuovo governo di Ibrahim al Jaafari. Al suo arrivo, però, sono stati annunciati nuovi attentati e ritrovamenti di corpi mutilati.

Il segretario di stato è arrivato, partendo dal Qatar all'aeroporto di Ibril, nel Nord del Paese a bordo di un aereo militare C-17. La Rice ha poi raggiunto Salahuddin, dove ha incontrato il leader curdo Massud Barzani, con un elicottero di tipo Blackhawk, con la scorta di altri elicotteri Apache. Nel pomeriggio dovrebbe incontrare anche l'attuale presidente dell'Iraq, Jafaari.

Condoleeza Rice ha parlato ai giornalisti sottolineando che è "molto importante" che la nuova Costituzione irachena venga elaborata, affinché tutte le etnie dell'Iraq sentano che "i loro interessi sono rappresentati". Ha aggiunto poi "Gli iracheni dovranno ora intensificare i loro sforzi per dimostrare che in realtà il processo politico è la risposta per il popolo iracheno.

Le stragi[modifica]

A Baquba (circa 60 km a Nord-Ovest di Baghdad), quasi contemporaneamente all'arrivo della Rice ci sono stati due attentati suicidi. Il primo attentatore ha ferito solo 2 persone, facendo esplodere un'automobile contro il convoglio di auto di Raad Hamid al Mulah Jauad, il governatore della provincia di cui Baquba è la capitale. Poco dopo un altro attentatore è entrato in azione facendosi esplodere davanti al Palazzo di Giustizia, dove era radunato un gruppo di persone, causando la morte di cinque persone e il ferimento di 37.

I ritrovamenti di cadaveri[modifica]

Nella capitale dell'Iraq, Baghdad, sono stati trovati abbandonati in una discarica del quartiere scita Sadr City 13 corpi senza vita di uomini uccisi con un colpo di pistola alla testa. Tutti gli uomini avevano la barba e le mani legate dietro alla schiena.

A Ramadi, città invece del triangolo sunnita, è stato annunciato il ritrovamento di altri 10 cadaveri di soldati iracheni, uccisi dai ribelli probabilmente tre giorni fa.

L'ultimo ritrovamento invece è avvenuto a Iskandariya, cittadina a Sud di Baghdad, dove sono stati trovati 11 cadaveri di cui quattro decapitati. Tre corpi potrebbero essere di poliziotti

L'assassinio di Jomaa[modifica]

Jassam Mohammed Jomaa, responsabile della sicurezza del Ministero dell'Industria è stato infine ucciso in un agguato insieme al suo autista.

La confessione della strage del mercato di Baghdad[modifica]

In una trasmissione della televisione Iraqia quattro palestinesi e un iracheno, arrestati, hanno confessato di essere gli autori dell'attentato al mercato di Baghdad, che il 12 maggio aveva uccise 15 persone e ferite 84

Fonti[modifica]