Lo schermidore Andrea Baldini escluso dai Giochi: risultato positivo all'anti-doping

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 1 agosto 2008

Lo schermidore italiano Andrea Baldini, è risultato positivo ai test antidoping effettuati dal Laboratorio Antidoping di Praga e per questo non potrà più partecipare ai Giochi olimpici estivi di Pechino 2008. A riferirlo sono il Comitato Olimpico Nazionale Italiano e la Federazione Italiana Scherma

La FIS in una nota sul proprio sito internet riporta: «La Federazione Italiana Scherma ha ricevuto poche ore fa da parte della Fie (Federation Internationale d'Escrime) la comunicazione relativa all'esito positivo di un controllo antidoping effettuato sull'atleta Andrea Baldini nel corso dei Campionati Europei Assoluti tenutisi a Kiev all'inizio di luglio. Alla luce della positività, il Coni ha escluso l'atleta dalla Squadra Olimpica».

Il presidente della Federazione, Giorgio Scarso, ha affermato: «Aspettiamo il risultato, anche se gli esperti dicono che al 99% il primo risultato dovrebbe venire confermato. Attendiamo il risultato all'inizio della prossima settimana». Ed ha anche continuato, che in caso il secondo test darà esito negativo, Baldini potrebbe ancora far parte della squadra che partirà per le Olimpiadi. Il suo sostituto potrebbe essere Andrea Cassarà, anche se non ci sono conferme ufficiali né dal suo staff né dal CONI.

Antonio Fiore, medico della FIS, ha sentito il fiorettista, affermando: «L'ho sentito ieri notte e stamattina. Lui nega di aver mai assunto sostanze vietate. È in uno stato di grande prostrazione e tensione. Io conosco Baldini da tanti anni e mi risulta difficile pensare a una ipotesi di questo caso. Io da medico posso solo dire che ritengo questo farmaco (furosemide) non somministrabile a un atleta né tra i farmaci che portiamo nelle gare o in allenamento. A me appare assolutamente inspiegabile la presenza nelle urine di questo principio».

Baldini ha espressamente negato di aver assunto sostanze dopanti di qualsiasi tipo. Anche l'Aeronautica militare, di cui lo schermidore fa parte, ha espresso stupore per la vicenda, visto che Baldini si era già qualificato per le Olimpiadi di Pechino quando prese parte agli Europei.

Il caso di Baldini si va ad aggiungere ad altri due casi quest'anno: quello del ciclista Riccardo Riccò e della campionessa mondiale di ciclismo su strada Marta Bastianelli.

Beijing 2008
Segui lo Speciale dedicato alla XXIX Olimpiade estiva.


Fonti[modifica]