Meda, cambio di giunta dopo il ricorso

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Meda, 20 gennaio 2013

Il Municipio di Meda

L'undici gennaio si è tenuto il primo consiglio comunale a Meda dopo che il TAR di Milano aveva, nel dicembre scorso, ribaltato il risultato elettorale obbligando ad un cambio della giunta. Il 1º giugno 2012 il candidato sindaco della Lega Nord, Giorgio Forenzo Taveggia, aveva infatti presentato ricorso al TAR contro il risultato delle consultazioni elettorali tenutesi a maggio.

In quell'occasione, infatti, la coalizione di centrosinistra e il suo candidato, Gianni Caimi, avevano vinto le elezioni per un solo voto: la Lega Nord aveva preannunciato il ricorso amministrativo vista la presenza di quattro schede apparentemente nulle ed attribuite al candidato Caimi o non assegnate a Taveggia.

La sentenza del TAR[modifica]

Nonostante la presentazione di un controricorso da parte del sindaco in carica, la quarta sezione del TAR ha accolto il ricorso il 5 dicembre 2012[1], segnalando di aver invece superato i rilievi del centrosinistra e ordinando la revisione dei verbali delle operazioni elettorali, e conseguentemente della proclamazione del Sindaco e dei consiglieri comunali.

Le motivazioni della sentenza sono state pubblicate il 14 dicembre[2], ed emerge come il TAR abbia respinto tutte le richieste contenute nel controricorso del centrosinistra: il PD infatti chiedeva che venissero attribuite a Gianni Caimi 6 schede dichiarate nulle durante le operazioni di spoglio e che venisse, al contrario, annullata una scheda inizialmente ritenuta valida a favore di Giorgio Taveggia. Al contrario, il Tribunale ha accolto tutte le richieste di Taveggia, ordinando l'annullamento di due schede inizialmente conteggiate a favore di Caimi e considerando invece valide due schede annullate.

Il ricontrollo delle schede ha quindi portato il risultato elettorale, inizialmente ed erroneamente di 3 867 voti contro 3 866 a vantaggio della coalizione del PD, ad essere di 3 865 contro 3 868, con un vantaggio della coalizione della Lega Nord di soli tre voti rispetto a quella di centrosinistra.

Il cambio di Giunta e il ricorso al Consiglio di Stato[modifica]

Come ordinato già dal dispositivo di sentenza, la Prefettura di Monza e Brianza ha proceduto all'individuazione dei consiglieri comunali effettivamente eletti in occasione delle elezioni di maggio e il Sindaco ha convocato il primo consiglio comunale per l'11 gennaio 2013, entro i termini previsti dal TAR, durante il quale ha prestato giuramento e proceduto alla nomina degli assessori.

Intanto il centrosinistra ha dichiarato di aver presentato ricorso in appello al Consiglio di Stato, che dovrebbe esprimersi entro il mese di gennaio sfruttando i tempi brevi imposti dal codice di diritto amministrativo per i ricorsi elettorali.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]

Note[modifica]

  1. Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia, dispositivo di sentenza 2927/2012. 5 dicembre 2012.
  2. Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia, sentenza 3051/2012. 14 dicembre 2012.