Mediaset fa causa a Google e YouTube per mezzo miliardo di euro: «Perse 315.672 giornate di visione»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 30 luglio 2008

La torre Mediaset a Cologno Monzese.

Mediaset, l'azienda di Cologno Monzese proprietaria di Canale 5, Rete 4 ed Italia 1, ha diffuso oggi il suo comunicato stampa dove viene annunciata l'azione legale contro You Tube e Google.

Il comunicato recita: «Mediaset ha depositato al tribunale Civile di Roma un atto di citazione contro YouTube e Google per illecita diffusione e sfruttamento commerciale di file audio-video di proprietà delle società del Gruppo. Alla data del 10 giugno 2008, dalla rilevazione a campione effettuata da Mediaset sono stati infatti individuati sul sito YouTube almeno 4.643 filmati di nostra proprietà, pari a oltre 325 ore di materiale emesso senza possedere i diritti. Alla luce dei contatti rilevati e vista la quantità dei documenti presenti illecitamente sul sito, è possibile stabilire che le tre reti televisive italiane del Gruppo abbiano perduto ben 315.672 giornate di visione da parte dei telespettatori. Il risarcimento richiesto da Mediaset è di almeno 500 milioni di euro, per il solo danno emergente. A questo bisognerà aggiungere le perdite subite per la mancata vendita di spazi pubblicitari sui programmi illecitamente diffusi in rete.»


La mossa da parte del Gruppo Mediaset, che ha come presidente Fedele Confalonieri e come vicepresidente Pier Silvio Berlusconi, è dura, e va a colpire uno dei servizi più utilizzati e più famosi in rete e non solo.

La decisione presa sembra rimarcare quella affrontata da Telecinco, società spagnola di Mediaset insieme a Publiespana, che ha vinto la causa contro You Tube pochi giorni fa per lo stesso motivo[1].

Mediaset non è la prima volta che affronta battaglie di questo genere: l'11 ottobre scorso, pur non intentando causa, diffidò VCast, un sito che permetteva di registrare programmi dei canali generalisti, per poi far pervenire all'utente il file richiesto, che non poteva essere inviato ad altri siti hosting o di video streaming[2].

Note[modifica]

  1. Articolo del TGCom sulla vittoria dell'azione legale di Telecinco
  2. Notizia della diffida di VCast da parte di Mediaset su TvBlog

Fonti[modifica]