PIL torna positivo +0,1% ultimo trimestre, cala di 36 miliardi il debito

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

14 febbraio 2014
Secondo gli ultimi dati ISTAT il PIL italiano è aumentato dello 0,1% negli ultimi tre mesi del 2013, dopo esser sceso per ben nove mesi consecutivi. Ciò nonostante le ripresa non è ancora a portata di mano infatti, se si va a considerare la performance in tutto il 2013, cioè su base annuale, il PIL è diminuito dell'1,9%, dopo che nel 2012 era risultato in calo del 2,5%.

Secondo il governatore Ignazio Visco l'incremento è dovuto all'«andamento positivo del valore aggiunto nei settori dell'agricoltura e dell'industria e di una variazione nulla del valore aggiunto nel comparto dei servizi», ma rimane un incremento inferiore di quanto atteso. Il governatore della Banca d'Italia ha aggiunto che nel 2014 il PIL italiano dovrebbe aumentare dello 0,75%.

Un altro dato positivo di dicembre 2013 è la diminuzione del debito pubblico per 36,5 miliardi di euro, nonostante durante tutto il 2013 si sia incrementato per 78 miliardi di euro, passando da 1 989 a quota 2 067 miliardi di euro.

Fonti[modifica]