Roma: i filobus di Tor Pagnotta potrebbero tornare in servizio per l'autunno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Roma, giovedì 26 agosto 2021

BredaMenarinibus Avancity+ S HTB in servizio sulla linea 90 nel febbraio 2020.

Potrebbero tornare in servizio tra alcuni mesi i 45 filobus BredaMenarinibus Avancity+ S HTB. Ce lo fa sapere il dottor Alberto Di Lorenzo, responsabile della Direzione trasporto pubblico locale del Dipartimento mobilità e trasporti di Roma Capitale, contattato via e-mail nei giorni scorsi dalla nostra redazione. Le vetture in questione, ferme da marzo 2020 per problematiche inerenti alla manutenzione, hanno avuto una storia piuttosto travagliata e da più di un anno non sono più in servizio sulle strade della Capitale.

Storia dei mezzi[modifica]

I BredaMenarinibus Avancity+ S HTB furono costruiti per conto della società Roma Metropolitane tra il 2009 e il 2011 da BredaMenarinibus (oggi Industria Italiana Autobus) e Škoda Electric (quest'ultima per il solo equipaggiamento elettrico) per prestare servizio sui costruendi corridoi della mobilità "EUR - Laurentina - Tor Pagnotta" ed "EUR - Tor de' Cenci". Dopo i collaudi di rito i mezzi arrivarono presso la rimessa ATAC di Tor Pagnotta, ampliata per l'occasione, nel 2015 ma non poterono entrare in servizio attivo; le due opere infrastrutturali per cui erano state acquistate non erano ancora state completate. La fornitura dei mezzi è inoltre coinvolta in un'inchiesta su una presunta tangente pagata da BredaMenarinibus per aggiudicarsi l'appalto. Nel 2017 si decise di impiegarli, in attesa dell'apertura dei due corridoi, sull'unica linea filoviaria allora attiva, la linea 90 e si portò avanti la parziale filoviarizzazione anche della linea 60, che condivideva per un breve tratto la linea aerea di contatto utile all'alimentazione dei mezzi.

Nel 2019 si inaugurò il servizio sul corridoio EUR - Laurentina - Tor Pagnotta e i mezzi iniziarono a prestare servizio sulla nuova linea 74, con previsione di utilizzarli anche sulle linee 72 e 73. Nel gennaio 2020, invece, la Regione Lazio, nell'ambito della procedura di valutazione di impatto ambientale (VIA), ha bocciato il progetto per il corridoio EUR - Tor de' Cenci.

I fatti[modifica]

In previsione della naturale scadenza del contratto di full service manutentivo (svoltosi dal 12 aprile 2018 al 12 aprile 2020) ATAC aveva avviato, a gennaio 2020, un'interlocuzione con Industria Italiana Autobus e Škoda Electric per poter procedere alle attività di revisione straordinaria e manutenzione ordinaria dei mezzi che avrebbero poi consentito l'avvio di una gara per assegnare la manutenzione pluriennale delle vetture in questione. Tra l'azienda e i costruttori non si è tuttavia trovato un accordo sui parametri tecnici ed economici che garantissero l'effettivo raggiungimento di criteri di efficienza tecnica e congruità.

Pertanto ATAC sta procedendo alle suddette attività per conto proprio per poter da un lato reimmettere in servizio quanto prima i mezzi e dall'altro procedere all'esternalizzazione della manutenzione tramite gara. Rilevante ostacolo pare sia anche la proprietà dei software di manutenzione, detenuti da Škoda ma necessari ad ATAC. Secondo il dottor Di Lorenzo le attività propedeutiche al ritorno in servizio delle vetture dovrebbero iniziare entro l'autunno e quindi tra la fine dell'anno e l'inizio del 2022 potrebbero tornare in strada tutti e 45 i filobus.

Fonti[modifica]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Rete filoviaria di Roma.

Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.